Federer: "Lo stop del 2016 è stata una rigenerazione per me"


by   |  LETTURE 3322
Federer: "Lo stop del 2016 è stata una rigenerazione per me"

In un’intervista concessa a The Wall Street Journal, Roger Federer ha ricordato la sua vittoria agli Australian Open 2017, ottenuta battendo in finale al quinto set il rivale di sempre Rafael Nadal.

Secondo lo svizzero, la chiave per il ritorno al successo è stato lo stop di sei mesi nella seconda metà del 2016. “Non avrei mai pensato che avrebbe pagato in questo modo” ha dichiarato il 20-volte campione Slam.

Forse quello che ci voleva era proprio quel periodo di rigenerazione”. Federer ha anche parlato del cambio di racchetta, nel 2014, che lo ha molto aiutato. “La nuova racchetta mi ha molto aiutato sul lato del rovescio e al servizio.

Mi diverte di più il mio tennis adesso perchè posso comandare di più il gioco, posso salire a rete ed essere creativo”. Lo svizzero ha infine sottolineato che, secondo lui, ci sono tornei tanto importanti quanto gli Slam: “Provo qualcosa di speciale, che sia ATP World Cup, Davis Cup o Laver Cup.

Devi decidere da solo cosa sia importante. È un peccato che oggi la stampa pensi che solo quattro tornei siano rilevanti ed i restanti no. Ho sempre detto che Halle per me non è un torneo di preparazione a Wimbledon, nè Cincinnati agli US Open.

Non mi piace considerare un torneo come uno strumento per raggiungere un altro obiettivo. Ma l’importanza degli Slam è enfatizzata dai giocatori stessi. Tutti adesso viaggiano in Australia, tutti giocano su erba, terra e cemento.

Non succedeva in passato”.