Safin: "Federer, Nadal e Djokovic sono troppo bravi, gli altri si annoiano"


by   |  LETTURE 2710
Safin: "Federer, Nadal e Djokovic sono troppo bravi, gli altri si annoiano"

Marat Safin è considerato uno dei giocatori più talentuosi della storia del tennis. Ha vinto gli Us Open nel 2000 e gli Australian Open nel 2005, ed è l’unico tennista russo ad avere una posizione nella International Tennis Hall of Fame.

Intervistato dall’agenzia di stampa spagnola EFE, Safin ha parlato della situazione del tennis in generale e della nuova Coppa Davis. Cosa hai fatto dopo il tuo ritiro? Ho trascorso sette anni in politica, poi mi hanno buttato fuori e ho preso un anno sabbatico.

Ora sto facendo alcune cose a Mosca; ogni tanto gioco alcuni tornei per tenermi in forma. Questa settima si è ritirato Mikhail Youzhny. Karen Khachanov e Daniil Medvedev sono gli unici russi in top 50, perché? Finalmente si è ritirato Mikhail( scherza sul connazionale) .

Abbiamo alcuni problemi in Russia, perché non ci sono strutture in cui allenarsi. Gli allenatori preferiscono allenare i bambini o gli anziani perché pagano meglio. Ad una certa età bisogna lasciare il paese.

Sono stati investiti molti soldi nel calcio; il tennis non è lo sport più popolare da noi. Cosa pensi del nuovo formato della Coppa Davis? Penso che i giocatori si siano stancati della precedente Davis.

Diventava ogni anno più difficile giocarla, perché a volte entrava in contrasto con i tornei del Grande Slam. Stavano cercando qualcosa di nuovo. La vecchia idea era buona, ma serviva qualcosa di più interessante per i giocatori.

Se fossi stato il giudice di sedia della finale tra Serena Williams e Naomi Osaka, come avresti agito? Penso che entrambi si siano scaldati troppo, però non bisogna fare molte polemiche su quanto successo.

Tutti erano molto tesi. Pensi che ci sia sessismo nel tennis? Parlare di femminismo e sessismo va molto di moda nel mondo in questo momento. Tutti ne parlano e tutti vogliono ottenere qualcosa da questo. Penso che l’argomento non vada toccato, bisogna dimenticarlo.

Le continue vittorie di Federer, Djokovic e Nadal, annoiano i tifosi? Sono troppo forti, gli alti tennisti forse si annoiano, perché non riescono a raggiungere il loro livello. Federer, 37 anni, sta vincendo molte partite.

Prende mezzo anno di riposo, ritorna e vince di nuovo. Prima questo era impossibile. Il livello di questi tre è molto alto rispetto agli altri. Ora non credo che un ragazzo di 17 anni possa vincere un torneo ATP. Iniziano a vincere a 25 anni.

Prima avevamo Ivanisevic, Sampras, Rafter, Kafelnikov, Krajicek, Rusedski, Kuerten, Costa, Corretja, Moya. Molti giocatori forti. Ora, ad eccezione dei primi 3/4 giocatori, gli altri non sono conosciuti nemmeno da Dio.