Roger Federer: "Non ho la stessa sensibilità di Pete Sampras"


by   |  LETTURE 12716
Roger Federer: "Non ho la stessa sensibilità di Pete Sampras"

Tra le fonti di ispirazione della carriera di Roger Federer, è impossibile non citare il nome di Pete Sampras. Il fuoriclasse svizzero menziona spesso l’americano quando parla dell’importanza di Wimbledon e della rincorsa (completata) ai sette trionfi di “Pistol Pete”. Le due leggenda hanno anche qualcos’altro in comune, vale a dire la partnership con Wilson.

Sampras, a differenza di Roger, non ha mai voluto cambiare troppo l’assetto della sua racchetta. “Sì, è vero” – ha dichiarato Federer a MyTennis YouTube Channel durante l’anteprima della nuova Wilson ProStaff RF97.

“Non ho la stessa sensibilità di Pete. Ha sempre avuto le stesse scarpe, racchette, grip e talvolta anche lo stesso cibo. Non sono così estremo. Ma tornando all’argomento iniziale, sulla racchetta c’è una vernice elastica, e questo provoca una sensazione leggermente differente quando ci giochi.

Ma siccome ho avuto sufficiente tempo per provarla, alla fine mi ci sono abituato. All’inizio avevo anche la sensazione che la vernice lucida fosse leggermente diversa dalla vernice nera opaca. In passato, avevo sempre giocato con la vernice nera opaca e Wilson ne voleva una più lucida. Dopo un paio di tornei e molte ore di allenamento, ti abitui a tutto”.

Il 20 volte campione Slam ha infine ammesso di aver coadiuvato Wilson nel suo lavoro: “Hanno sempre in mente qualcosa di inedito. Già nel 2002 avevo optato per una corda in budello naturale. Fu sicuramente una buona decisione, mi ha aiutato molto con il top spin e nel controllo della palla.

Molti stanno giocando con corde ibride o completamente in poliestere. La corda in budello naturale è quasi totalmente scomparsa. Per questa ragione ho deciso di cambiare, anche se ci è voluto un po’ di tempo”.