McEnroe: "Il mio sogno è giocare in doppio con Federer o Nadal"


by   |  LETTURE 3660
McEnroe: "Il mio sogno è giocare in doppio con Federer o Nadal"

John McEnroe, ex campione statunitense, ha detto in un’intervista a Hamptons di sognare un giorno di giocare in doppio insieme a Roger Federer o Rafael Nadal. “Se potessi scegliere qualcuno… sceglierei Roger Federer o Rafael Nadal, i migliori, anche se non giocano nemmeno il doppio sarebbero la mia prima scelta come compagni perché penso che possono fare tutto ciò che vogliono e sicuramente mi aiuterebbero.

Ci sono ragazzi come Nick Kyrgios, anche se a volte sembra non avere il cervello a posto, che gioca bene in team ed è un grande compagno di squadra. Potremmo andare d’accordo perché è estremamente talentuoso.

Sarebbe divertente anche giocare insieme ad uno di questi ragazzini che stanno venendo fuori come Denis Shapovalov”. Riguardo al prossimo US Open, John pensa che il trofeo se lo aggiudicherà uno tra Novak Djokovic, Roger Federer o Rafael Nadal mentre la situazione in campo femminile, secondo lui, è più incerta.

"I favoriti sono ovvi, Djokovic è appena tornato e si ristabilito; Nadal e Federer hanno vinto i sei major precedenti a Wimbledon 2018, quindi è difficile pensare che uno di questi tre giocatori non vincerà.

Mi piacerebbe vedere un po' di sangue nuovo: per esempio un ragazzo come Zverev, tedesco, terzo o quarto al mondo, ma che non ha fatto ancora nulla di importante negli Slam. Per le donne è più imprevedibile.

Giocatrici come Wozniacki e Halep hanno vinto uno Slam per la prima volta e quindi sembra che ci siano più favorite per la vittoria finale. Però Serena (Williams) è sempre la persona che tutti temono.

La guardi e dici: "Quanto è affamata?" È stata in grado di tornare dal parto e dalle complicazioni che ha avuto alla sua età”. Sui giovani giocatori statunitensi, McEnroe ha detto: "Vedo già alcuni giocatori, come Francis Tiafoe, che saranno sicuramente tra i primi 10, ma non vedo ancora il giocatore che penso, quel ragazzo che vincerà più di un major.

Sarebbe bello che il tennis esplodesse in America perché ci siamo viziati con molti campioni americani del passato che hanno vinto major. John Isner è arrivato in semifinale a Wimbledon, ma per spostare l'ago e creare più eccitazione, alcuni di quei giovani ragazzi avrebbero dovuto essere in grando di vincere.

Ci sono giocatori come Jared Donaldson e altri giovani che cercano svoltare e di fare qualche progresso. Al momento, se tu dovessi scegliere ragazzi forti, sceglieresti ragazzi che non sono americani”.