"Il dominio di Roger Federer finirà presto" - John McEnroe


by   |  LETTURE 8949
"Il dominio di Roger Federer finirà presto" - John McEnroe

John McEnroe ha elogiato il successo di Roger Federer nella fase finale della sua carriera, ammettendo però che durerà poco a causa dell'età. In un'intervista rilasciata a Morgen Post durante Wimbledon di quest'anno, McEnroe ha dichiarato: "Penso che sia assolutamente eccezionale ciò che fa Roger.

Non dobbiamo dimenticare che nel 2018 compirà 37 anni. Ma il modo in cui si muove in campo è incredibile. Tuttavia, penso che il tempo non lo porterà lontano. È normale, è il corso delle cose.

Sarà già quest'anno? Non lo so, nonostante l’età non ci sono tanti che possono batterlo."
E la next-gen? "Quando si tratta di trovare il successore di Federer e Nadal, Alexander Zverev è la mia prima scelta.

Ha tutte le armi per diventare un grande campione. Quest'anno è stato un po' sfortunato con il suo infortunio a Parigi e questo virus intestinale a Wimbledon. Ma se rimane paziente, vincerà titoli del Grande Slam", ha detto McEnroe, aggiungendo che gli piacciono personalità forti come Zverev o Nick Kyrgios: "Penso che in passato ci sarebbero dovuti essere più tennisti come loro.

Hanno tanta personalità, mi piacciono.

Cosa accadrà dopo che Federer, Nadal si ritireranno? "Il tennis continuerà," assicura McEnroe. "Ovviamente, un uomo come Roger sarà difficile da sostituire.

Ma ci saranno nuove stelle e nuove storie. È sempre stato così.
Successivamente l’ex campione statunitense ha fatto una dichiarazione importante sui suoi pensieri su come funziona oggi il tennis:
"A me non piacciono gli sport dove il denaro è dominante", ha detto McEnroe.

Lo sport è quasi solo business oggi. Di conseguenza, le qualità originali e molte buone legate allo sport si perdono gradualmente. E quello che non mi è mai piaciuto è lo sfondo elitario del tennis.

Ho sempre desiderato che il tennis fosse uno sport accessibile a tutti."

Ripensando alle differenze tra la sua carriera e ora, McEnroe ha aggiunto: "Oggi mi diverto molto più di quello che facevo prima. Mi mostra che non ho fatto nulla di male, anche se ero spesso il cattivo.

L'essenza di questo sport è che puoi sempre essere contro qualcuno. Un evento sportivo non è un concerto in cui vai e tifi per la tua stella perché canta sempre le solite canzoni. Uno sport è vissuto attraverso le emozioni.