Tony Godsick: "La programmazione di Federer non dipende dai soldi"


by   |  LETTURE 2455
Tony Godsick: "La programmazione di Federer non dipende dai soldi"

La scorsa settimana, commentando il programma di Roger Federer, l’ex giocatore top 30 mondiale Claudio Mezzadri ha ammesso che l’offerta dei tornei in termina di denaro gioca un ruolo molto importante per lo svizzero.

In un’intervista al New York Times, l’agente di lunga data di Federer, Tony Godsick, ha però chiarito che il denaro non è la priorità. “Non posso parlare per Roger, ma so di sicuro che lui non prenderebbe mai una decisione per il suo programma in base ai soldi.

Mette sempre al primo posto la sua condizione fisica, non pensa : ‘Se gioco li ho dei bonus’ . Non sono sicuro che in questi anni sia mai accaduto qualcosa del genere con Roger”. Quando ha parlato dei bonus Godsick ha fatto riferimento al potenziale denaro extra che lo svizzero ottiene dalle sue partecipazioni ai tornei e dalla sua posizione in classifica.

Dopo la vittoria agli Australian Open di quest’anno, Federer ha dichiarato: “Ho vinto tre slam negli ultimi dodici mesi, non riesco ancora a crederci. Devo mantenere una buona programmazione e restare affamato, solo così possono accadere cose buone.

Non penso che l’età sia un problema, è solo un numero, ma ovviamente devo prestare sempre molta attenzione alla mia pianificazione e decidere in anticipo quali sono le mie priorità. Penso che tutto questo determinerà la mia fortuna, ma sono molto felice di quello che sto facendo attualmente”.