L'agente di Roger Federer spiega i motivi dietro il contratto con Uniqlo


by   |  LETTURE 14367
L'agente di Roger Federer spiega i motivi dietro il contratto con Uniqlo

Dopo aver indossato per 24 anni l’abbigliamento Nike, Roger Federer ha sbalordito il mondo del tennis facendo il suo esordio a Wimbledon con il marchio giapponese Uniqlo.

Il mese scorso era stato riferito che Federer avrebbe preso la decisione di lasciare la Nike e unirsi ad Uniqlo, ma il 36enne era riluttante a discutere l’accordo. Era infatti previsto che lo svizzero indossasse il suo vecchio marchio almeno fino a Wimbledon, ma con sorpresa di tutti Federer nella sua partita inaugurale contro Dusan Lajovic si è presentato con giacca, fascia, maglietta e calzini Uniqlo.

Il brand giapponese ha dunque annunciato il contratto firmato da Federer di 300 milioni di dollari per i prossimi dieci anni. Queste le parole del suo agente di lunga data Tony Godsick. “È un’opportunità globale con molti piani entusiasmanti.

Il signor Yanai, CEO di Uniqlo, è davvero entusiasta di far crescere il brand Federer in Asia e intorno al mondo. Tutti sanno che Roger ha un’enorme passione per la moda. E' stata una grande relazione con Nike e quest'altra andrà avanti anche dopo che Roger si ritirerà.

A lungo termine possiamo creare cose meravigliose”. Nonostante i buoni propositi, la società giapponese è stata costretta ad affrontare altre critiche dopo quelle dei mancati stipendi degli operai.

Al centro della polemica la scelta dell’azienda di mettere sul mercato il nuovo kit dello svizzero per un prezzo totale di 109 sterline, ovvero circa 125 euro, decisamente troppi per un marchio che si è inserito con prepotenza nel mercato mondiale.

.