Roger Federer: "Così tante teste di serie out? A volte è coincidenza"


by   |  LETTURE 5267
Roger Federer: "Così tante teste di serie out? A volte è coincidenza"

Roger Federer e Serena Williams hanno raggiunto gli ottavi di finale di Wimbledon dominando i propri avversari, ma i numerosi fan, che si sono recati all’All England Club per assistere alla seconda settimana della competizione, potrebbero aver bisogno di sfogliare il loro programma per avere informazioni su alcuni nomi sconosciuti.

Numerosi sono stati i colpi di scena ai Championship, con solo una delle top 10 mondiali del circuito femminile rimaste in gara e quattro tra i migliori otto nel tabellone maschile. Una delle cause di tutti questi sconvolgimenti potrebbe essere il clima torrido, di fatto i giocatori non sono abituati a giocare con questo tipo di temperature nello slam londinese.

Qualunque cosa sia, la settimana di apertura è stata teatro di una vera e propria carneficina. Le ultime sconfitte di Simona Halep e Alexander Zverev hanno fatto registrare numeri impressionanti, sono ben 25 le donne e 22 gli uomini, che da teste di serie hanno abbandonato prematuramente il torneo.

Il campione in carica Federer sembra però non essere preoccupato di questa anomalia. “Penso che a volte sia una coincidenza che accada tutto ciò. I ragazzi che hanno vinto le scorse settimane a Stoccarda, Eastbourne e Rosmalen hanno tutti perso molto presto.

La situazione del tennis femminile è abbastanza equilibrata a prescindere dalla classifica, anche se le migliori meritano comunque di essere tra le prime al mondo”. Gli organizzatori di Wimbledon, per scongiurare un potenziale boicottaggio da parte di alcuni giocatori spagnoli, hanno applicato un regolamento particolare per reclutare le 32 teste di serie, prendendo in considerazione i risultati sull’erba degli ultimi due anni.

Per quanto riguarda le donne viene invece rispettata la classifica WTA, anche se come per la Williams quest’anno le carte possono essere mescolate. Con così tante sconfitte di giocatori di alto livello ai primi turni, le cose potrebbero però nuovamente cambiare e vedere le teste di serie ridotte ad un numero di 16 come in precedenza.

Eventuali modifiche devono essere confermate al momento dell’ultimo incontro annuale del Grand Slam Board, che si svolge durante le WTA Finals a Singapore nel mese di ottobre. Kevin Anderson, vicepresidente del consiglio giocatori, ha dichiarato di essere a favore del mantenimento delle 32 teste di serie.

Gli organizzatori dei tornei del Grande Slam hanno spinto per questa soluzione. Immagino vogliano match più interessanti sin dall’inizio, ma ci sono già ora. Qualcuno tra i primi dieci che affronta il numero 17-18 al mondo ai primi turni è piuttosto difficile”.

.