Roger Rasheed: "Djokovic e Kyrgios antagonisti di Federer a Wimbledon"


by   |  LETTURE 3508
Roger Rasheed: "Djokovic e Kyrgios antagonisti di Federer a Wimbledon"

Tra i coach più influenti all’interno del circuito figura senza dubbio il nome di Roger Rasheed, ex giocatore professionista obbligato ad appendere la racchetta al chiodo nell’inverno del 1997 a causa di un persistente dolore alla schiena.

Il 49enne australiano si è soffermato sui risvolti positivi dei social media nel tour durante un’intervista a The Advertiser: “I giovani tennisti interagiscono tra loro in questo modo.

Dopo che Nick Kyrgios ha battuto Andy Murray al Queen’s, ha pubblicato qualcosa dicendo che era bello che Murray fosse tornato nel circuito. Secondo te, Ivan Lendl l’avrebbe fatto? Connors? Significa che c’è un cambiamento; i giocatori sono felici di vedere i migliori in campo”.

Rasheed, che attualmente ricopre il ruolo di membro del consiglio di amministrazione dell’ATP, è convinto che il tennis sia pulito grazie all’elevato numero di controlli. “Ricordo che Lleyton Hewitt è stato testato circa 25 o 26 volte nello stesso anno. Avevamo impiegato un paio di anni per mettere su circa 7 kg di muscoli e lui aveva appena iniziato a indossare le magliette senza maniche”.

Il discorso si è infine spostato sui favoriti a Wimbledon:Federer probabilmente inizierà il torneo come favorito principale ed è difficile scommettere contro di lui. Forse Novak Djokovic, se riesce ad acquisire il ritmo giusto.

Nick Kyrgios ha il talento necessario ma la domanda è se sia in grado di esprimerlo costantemente per due settimane. Il torneo femminile è più aperto che mai”, ha concluso Rasheed.