Roger Federer: "Un grande ritorno. A Nadal ho detto che..."


by   |  LETTURE 21914
Roger Federer: "Un grande ritorno. A Nadal ho detto che..."

Rafael Nadal è stato un'ispirazione per Roger Federer nel corso degli anni. Lo spagnolo ha "costretto" lo svizzero ad evolvere il proprio gioco in una rivalità senza eguali. E continua ad essere così, vista la battaglia per la prima posizione mondiale adesso occupata da Federer dopo la vittoria a Stoccarda. "È divertente e bellissimo - ha detto Roger a seguito della finale vinta contro Milos Raonic per 6-4 7-6(3) sull'alternarsi tra lui e Nadal in vetta - ed esserci tornato per me è un'iniezione di fiducia. Il numero uno è il risultato più importante nella carriera di un professionista. Ciò che Rafa ha fatto al Roland Garros è fenomenale, gli ho detto anche questo, non vedo l'ora di vederlo nuovamente".

Sui suoi programmi a breve termine: "Le prossime 48 ore saranno folli. Andrò in macchina in Svizzera stasera, guarderò la partita di calcio della Nazionale. Poi volerò domani (lunedì) ad Halle e probabilmente giocherò il primo match martedì. Sarà fondamentale superare il primo turno lì dove devo difendere il titolo. Prima di Wimbledon avrò una settimana tranquilla, spero soltanto di rimanere sano senza infortuni".

Analizzando la finale e la settimana in generale, ha aggiunto: "E' stato un grande ritorno. Speravo di giocare qualche partita qui. Sono diventate quattro. Soprattutto le ultime due sono state molto positive. Spero che il numero uno mi dia una spinta per Wimbledon.  Ho giocato bene nei momenti importanti. Verso la fine, ho giocato il mio miglior tennis. Non mi sono mai sentito male in campo e questo è incoraggiante. Non ho ceduto il servizio e sono stato concentrato nei momenti chiave. È stato difficile a Stoccarda gli ultimi due anni, ho perso due match equilibrati ma quest'anno no. Se tornerò nel 2019? Non ho ancora preso una decisione. Ho un'idea ma nulla di concreto".