Rafael Nadal: l'anno che e' stato

-  Letture: 3322

Non era un bel segno vedere Rafa Nadal con la fasciatura appena sotto il ginocchio destro nella finale del Masters 1000 di Shanghai. Non perché la visione familiare riportava alla mente ricordi di dubbi e dolore, ma perché era la prima volta che in tutto il 2017 il numero 1 del mondo era apparso fisicamente vulnerabile.

Il successivo ritiro forfait a Basilea allontana temporaneamente i dubbi crescenti così come la vittoria su Hyeon Chung al secondo turno a Bercy che gli permette di chiudere la stagione da numero 1, per la quarta volta in carriera. Ma la vittoria poco convincente su Cuevas e il ritiro prima del quarto di finale contro Filip Krajinovic frena il leggero momento di sollievo. Tuttavia, nonostante il caos delle ultime settimane, quella di Nadal rimane una stagione da celebrare così come il suo 2008, il 2010 e il 2013 in cui ha toccato il massimo.

Roger Federer è stato l'uomo da copertina per tutto il 2017, visti i suoi risultati che hanno alimentato la narrazione di un ritorno. Questo, insieme agli avversari sconfitti dallo svizzero, e alle quattro vittorie su Nadal, hanno aumentato il fervore intorno ai suoi risultati. Ma ridurre il 2017 di Federer alle sole vittorie su Nadal vorrebbe dire fare un torto a entrambi. Soprattutto allo spagnolo.

LEGGI IL NUMERO 50

 

ALL´INTERNO
- Il pagellone Atp del 2017
- Nadal: l'anno che e' stato
- Oltre Toni Nadal: un'occhiata gettata al futuro
- Federer-Nadal: chi è stato il vero numero 1 del 2017?
- Roger Federer e Rafa Nadal, una magica rivalità nell'epoca d'oro del tennis
- Meno è meglio. Grigor Dimitrov ha asciugato il suo tennis
- Etimologia di un Master senza stelle
- David Ferrer, l'umile trottolino
- Enfin la France
- Martina Hingis: la Mozart del suo tempo
- Agnieszka Radwanska: fedele al suo gioco, alla vecchia maniera
- L'anno che verra'
- Stadi, quattro meraviglie del mondo del tennis
- Le nuove regole
 

LA TECNICA
* Il coraggio di avere paura
* Come avere una mentalita' vincente
* Perché e come stai a rete quando il tuo compagno serve in doppio?
* Quanto conosci il gioco del tuo avversario prima della partita? E perché dovresti conoscerlo?
* Usa una tattica basata sul tuo stile

LEGGI IL NUMERO 50