Ranking Atp/Wta 07/02/2023 Djokovic sempre in vetta, male Sonego. Ok Fognini



by   |  LETTURE 3123

Ranking Atp/Wta 07/02/2023 Djokovic sempre in vetta, male Sonego. Ok Fognini

Dopo la vittoria di Novak Djokovic agli Australian Open il tennis maschile ha vissuto una settimana di stallo, una delle poche di riposo nel corso della stagione. La classifica Atp è cambiata soprattutto dietro mentre le prime posizioni restano nettamente stabili.

Nessun cambio nella Top Ten con Novak Djokovic che ha ripreso il comando e che incrementa il suo già straordinario record di settimane in vetta alla classifica ATP. Le prime dieci posizioni non vedono nessun cambiamento sia in chiave Ranking che punti con tutti che restano in maniera stabile.

I primi veri cambiamenti arrivano intorno alla quindicesima posizione con Tiafoe che guadagna una posizione e migliora il suo Best Ranking e Alexander Zverev che perde altre due posizioni in classifica. Il tedesco ha vinto un match ufficiale in Coppa Davis ma ha tanti punti da difendere fino al Roland Garros ed ora si trova pochi punti davanti al nostro Jannik Sinner e subito dopo Lorenzo Musetti, stabili alla diciassettesima e alla diciottesima posizione in classifica.

La top Ten è distante per l'Italia e gli azzurri devono rimboccarsi le maniche. Questa settimana si disputano gli Atp 250 di Dallas e Montpellier, in campo tanti giovani e intanto in classifica crescono ancora alcuni giovani talenti.

Da Wolf fino a Shelton senza dimenticare Lehecka e Draper, in tanti crescono mentre calano nettamente Bublik, Ruusuvuori e Albert Ramos Vinolas, tutti che perdono oltre dieci posizioni in classifica. Tra gli italiani, stabili i Big Three del nostro paese, perde ben cinque posizioni Lorenzo Sonego mentre recupera qualche posizione Fabio Fognini, tornato in Top 60 guadagnando quattro posizioni.

Ok anche Murray e vola Safiullin che guadagna 18 posizioni e si stacca dalla centesima posizione in classifica. Bene anche Cecchinato e Passaro ma il grande passo è di Arnaldi. L'azzurro, vincitore nel Challenger di Tenerife, guadagna ben dieci posizioni e si è portato così in centodecima posizione del ranking mondiale.

Grande salto anche per Raoul Brancaccio, finalista invece contro Arnaldi: l'azzurro ha guadagnato ben 23 posizioni e si è portato nelle prime 130 posizioni del ranking, senza dubbio ottime notizie per il tennis italiano. Stabilità totale anche nel circuito femminile di tennis. Photo Credit: Getty Images