Berrettini discute con Nadal sulla lite con Sonego: la scena nel film su Federer

Scambio di battute tra Matteo e Rafa. L'italiano ha difeso l'amico connazionale, non convincendo proprio del tutto lo spagnolo con le sue parole

by Luca Ferrante
SHARE
Berrettini discute con Nadal sulla lite con Sonego: la scena nel film su Federer
© Julian Finney/Getty Images

Da giovedì 20 giugno è disponibile su Prime Video il documentario sugli ultimi giorni della carriera di Roger Federer. Tanti fan non sono riusciti a trattenere la curiosità, prendendo subito un'ora e mezza del loro tempo per guardarlo.

Diversi hanno potuto così osservare una serie di scene interessanti che sono state inserite all'interno del filmato. Fra queste c'è una piccola discussione avvenuta alla Laver Cup, negli spogliatoi, tra Rafael Nadal e Matteo Berrettini.

I due, insieme agli altri giocatori presenti, hanno cominciato a parlare delle urla dei tennisti che si sentono in campo quando si colpisce la palla (quelle di alcuni atleti disturbano e non poco l'avversario che si trova poi dall'altra parte della rete).

A un certo punto lo spagnolo ha tirato in ballo l'episodio che è accaduto a Wimbledon nel 2022 con Lorenzo Sonego, che si è trasformato in una piccola lite sul terreno di gioco. Il 28enne romano è intervenuto per difendere in un certo senso l'amico connazionale: "Guarda che lui fa sempre così, quando si esalta.

Non l’ha fatto per infastidirti" sono le parole espresse dall'azzurro, che non avrebbero però convinto molto il vincitore di 22 titoli Slam. Infatti, l'iberico ha reagito così: "Fidati, lo ha fatto di proposito".

Il diverbio del 2022

Nadal e Sonego avevano rilasciato dichiarazioni piuttosto piccanti al termine di quella partita che è stata ricordata soprattutto per la polemica mossa da Rafa sulle troppe urla del torinese.

"Non esiste che un tennista chiami a rete un altro, si fa in terza categoria non a Wimbledon. Chiami l'arbitro, non chiami il tuo avversario a rete. In quel momento mi ha condizionato. A fine match si è scusato, è stato educatissimo.

Io gli ho detto però che in quel momento mi aveva condizionato" sono state le affermazioni dell'azzurro in conferenza stampa. L'ex numero uno si è scusato anche davanti ai media, oltre a rivelare di aver poi parlato con l'italiano negli spogliatoi: "Mi dispiace molto se l'ho infastidito.

Volevo solo spiegargli quella cosa. L'ho fatto in modo gentile, ma ora mi sento davvero male per avergli dato fastidio. Ho sbagliato. Probabilmente non avrei dovuto chiamarlo a rete. Chiedo scusa per questo, errore mio, non ho nessun problema a riconoscerlo".

SHARE