"Ha cambiato idea" - Mauresmo fa una confessione choc sull'addio di Rafael Nadal

La direttrice del torneo ha rivelato come fosse pronto un tributo più importante al campione spagnolo. È stato lui a fare marcia indietro

by Redazione
SHARE
"Ha cambiato idea" - Mauresmo fa una confessione choc sull'addio di Rafael Nadal
© Clive Brunskill/Getty Images

Un addio tutt'altro che sicuro. Le possibilità che Rafael Nadal continui a giocare, per esempio l'anno prossimo, sono meno remote di quanto si possa pensare. Una sorta di conferma è giunta dalla Francia e dalla direttrice del Roland Garros Amelie Mauresmo, che ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni a seguito della sconfitta del campione spagnolo sul tedesco Alexander Zverev.

L'ex tennista 44enne, che ora ricopre questo prestigioso ruolo nello Slam parigino, ha rivelato come la cerimonia di addio sul Philippe-Chatrier a fine match sia stata diversa dai preparativi che si erano inizialmente progettati.

La scena è stata abbastanza simile a quella accaduta agli Internazionali d'Italia: infatti, non è passata in questo caso inosservata la breve chiacchierata tra il maiorchino e la stessa Mauresmo, che voleva in un certo senso comprendere le intenzioni del 14 volte vincitore della competizione.

Le parole di Mauresmo

La direttrice della manifestazione ha confessato tutto in un'intervista rilasciata ad Amazon Prime, che detiene i diritti in Francia, e riportata anche da Marca. "Avevamo preparato una cerimonia di addio.

Lui stesso ci aveva dato l'ok a questo omaggio, ma poi tutto è presto cambiato" ha rivelato. Mauresmo ha evidenziato come Rafa si sia allenato nei giorni precedenti alla sfida con Sascha e si sia "reso conto che l'allenamento stava andando sorprendentemente bene".

A quel punto lo stesso iberico avrebbe deciso di fare marcia indietro, constatando probabilmente dei miglioramenti rispetto a Barcellona, Madrid e Roma. Nadal avrebbe comunicato agli organizzatori di fermare qualsiasi tributo: anche in conferenza stampa ha confermato di non essere sicuro di aver giocato per l'ultima volta sul Philippe-Chatrier.

Quanto gli allenamenti a Parigi e lo stesso incontro ben disputato contro Zverev abbiano modificato le iniziali idee nella testa dello spagnolo? Nelle prossime settimane scopriremo come il 37enne voglia proseguire la sua carriera, prima di tutto mettendo nel mirino l'appuntamento dei giochi olimpici.

Rafael Nadal
SHARE