Rafael Nadal: "Orgoglioso di quello che ho fatto. 2025? Non chiudo alcuna porta"

Lo spagnolo ha spiegato che continuerà a giocare fino a quando riuscirà a divertirsi

by Antonio Frappola
SHARE
Rafael Nadal: "Orgoglioso di quello che ho fatto. 2025? Non chiudo alcuna porta"
© Clive Brunskill/Getty Images

È un Rafael Nadal orgoglioso della prestazione e, soprattutto, dei sacrifici compiuti per darsi la possibilità di giocare nuovamente dopo i numerosi problemi fisici che hanno colpito il suo corpo. Lo spagnolo ha perso in tre set contro Alexander Zverev al primo turno del Roland Garros, ma per la prima volta si è sentito competitivo e in grado di poter fare qualcosa di importante.

In conferenza stampa, il 22 volte campione Slam ha ribadito il suo eterno amore per il tennis e che non ha ancora preso una decisione ufficiale sul suo futuro. Sarà solo il tempo a fornirgli le risposte necessarie in attesa di scoprire in quali condizioni raggiungerà l'altro evento segnato in rosso sul calendario: i Giochi Olimpici di Parigi 2024.

Rafael Nadal: "Orgoglioso di quello che ho fatto. 2025? Non chiudo alcuna porta"

"Ho passato momenti davvero brutti, il mio corpo è stato una giungla negli ultimi mesi in cui non riuscivo a vedere la luce. Ho mantenuto la disciplina per darmi l'opportunità di essere qui.

Ho lottato tremendamente contro i miei problemi. Questa è stata la prima settimana in cui ho sentito che il mio corpo era pronto a muoversi senza limitazioni, il primo torneo in cui ho pensato di avere qualche possibilità di vincere.

Sono molto orgoglioso di quello che ho fatto e non credo di essere andato lontano dal conferirmi reali opzioni per fare qualcosa di importante. La mia partita è stata positiva, analizzando le cose in prospettiva" , ha spiegato Nadal.

"Ho fatto degli errori, ma non puoi costruire una casa in due giorni. Non ho sfruttato alcune occasioni che avrebbero potuto cambiare la partita a causa della mancanza di fiducia in grado di indicarti la strada in ogni momento.

Sono un ragazzo normale a cui piace fare quello che fa. Mi piace lo sport, la competizione, gli allenamenti e le partite. Mi diverto a viaggiare con mia moglie e mio figlio. Fino a quando mi sentirò competitivo, continuerò a giocare.

Devo verificare se il mio livello si alzerà. 2025? Se continuo ad essere felice giorno dopo giorno e il mio corpo risponde bene, non chiuderò alcuna porta. La logica mi dice che è molto difficile, ma il tempo mi fornirà le risposte.

Quando avrò una decisione, la comunicherò in maniere definitiva" . Parlando delle Olimpiadi, Nadal ha inconsciamente messo in dubbio la sua presenza a Wimbledon. "Spero di arrivarci in buona forma, ma avrò lo stesso problema: non sarò testa di serie e arriverò senza il ritmo partita.

Se riuscirò ad arrivare in condizioni fisiche migliori con un mese in più di allenamenti sulle spalle, parteciperò con la speranza di divertirmi e avere delle opportunità. Dopo quell'appuntamento, valuterò come sto e prenderò decisioni sul futuro" .

Rafael Nadal
SHARE