Il messaggio di Rafael Nadal è allarmante: crescono i dubbi verso il Roland Garros

L'ammissione del campione spagnolo in conferenza stampa non lascia sensazioni positive

by Luca Ferrante
SHARE
Il messaggio di Rafael Nadal è allarmante: crescono i dubbi verso il Roland Garros
© David Ramos/Getty Images

"Non posso permettermi al momento di giocare una partita di 2-3 ore a un livello competitivo". Queste parole pronunciate da Rafael Nadal in conferenza stampa hanno allarmato e non poco i fan spagnoli in vista dei prossimi tornei, in particolare verso il Roland Garros previsto dal 20 maggio.

"Ho molto chiaro cosa posso e cosa non posso fare, a volte ho dovuto rallentare un po’ il ritmo. Negli ultimi tre mesi non sono riuscito nemmeno ad allenarmi tanto al servizio, quindi è difficile battere normalmente per un paio d'ore.

Questo non accadeva dai tempi di Brisbane. Prima di arrivare qui ho giocato solo alcuni training set e la partita di Las Vegas, non ho giocato nient'altro. Ho avuto delle occasioni, dei momenti che sarebbero potuti andare a mio favore ma ho commesso degli errori con il dritto.

Ho deluso un po' i fan perché ho gareggiato pochissimo, ma accetto quello che ho e da cosa provengo. Cerco di essere positivo in ogni momento" ha aggiunto davanti ai media per analizzare la sconfitta contro Alex De Minaur in due set.

È stato il suo ultimo Conde de Godó

Rafa ha salutato definitivamente l'Atp 500 di Barcellona, torneo che ha vinto ben 12 volte nel corso della sua meravigliosa carriera: "Sono una persona emotivamente stabile, prendo tutto con filosofia analizzando le cose correttamente.

È stata la mia ultima partita al Godó, sapete tutti quanto è stato importante questa manifestazione per me, è stato il torneo per eccellenza che abbiamo giocato in Spagna per molto tempo. I migliori giocatori della storia sono passati di qui.

Inoltre, si gioca in un club di tennis, che rende questa competizione diversa dalla stragrande maggioranza. Mi è piaciuto molto giocare qui, ho vissuto momenti molto belli, sono riuscito a vincere 12 volte, qualcosa inimmaginabile per me.

Non posso che ringraziare tutte le persone di questo club per il trattamento ricevuto. Continuerò la mia strada, questo è il tennis, le generazioni passano come è logico che sia, altre ne arriveranno. Ho avuto la fortuna di scrivere una bellissima storia in questo torneo, una storia che non era mai stata scritta prima, altri arriveranno per provare a superarla.

Sono sempre stato consapevole che tutto ha un inizio e una fine, non c'è nessun dramma. L’unica cosa triste è non poter giocare di nuovo questa competizione a livello professionale, mi sarebbe piaciuto lottare ancora una volta".

Rafael Nadal Roland Garros
SHARE