'Questo è l'anno chiave': Corretja riflette sul futuro di Rafael Nadal



by   |  LETTURE 2863

'Questo è l'anno chiave': Corretja riflette sul futuro di Rafael Nadal

Il 2023 di Rafael Nadal è iniziato nel peggiore dei modi. Non soltanto lo spagnolo è uscito di scena al secondo turno degli Australian Open, ma si è anche procurato una lesione di secondo grado all’ileo-psoas durante il match contro McDonald.

L’ex numero 1 del mondo dovrà restare lontano dai campi per circa due mesi, un altro duro colpo dopo le innumerevoli difficoltà degli ultimi tempi. Il 36enne di Manacor uscirà dalla Top 5 al termine degli AO e dovrà lavorare sodo per rimettersi in forma.

Il 22 volte campione Slam salterà sicuramente l’ATP 500 di Dubai, mentre resta incerta la sua presenza a Indian Wells e Miami. Secondo gli ultimi rumors, difficilmente Rafa metterà a rischio il proprio fisico per disputare i Masters 1000 americani.

È più probabile che l’iberico si prenda tutto il tempo necessario e torni direttamente sulla terra rossa di Montecarlo. Il maiorchino vuole avvicinarsi nel migliore dei modi al suo grande obiettivo stagionale, il Roland Garros.

Intervistato da ‘El Larguero’, Alex Corretja ha analizzato nel dettaglio le prospettive di Nadal.

Nadal risorgerà ancora una volta?

“L’obiettivo di Rafael Nadal è quello di prepararsi bene per i tornei sulla terra battuta.

Non credo che si prenderà dei rischi per giocare i Masters 1000 sul cemento” – ha dichiarato Corretja. “Gli ultimi mesi sono stati difficili per lui, ma non dimenticheremo mai ciò che è riuscito a fare l’anno scorso.

La vittoria in Australia è stata miracolosa, senza dimenticare il trionfo a Parigi da zoppo. Questo è l'anno chiave per il prosieguo della sua carriera. Se si accorgerà che il suo corpo fatica troppo a sostenere il ritmo richiesto da uno Slam, allora penserà seriamente al suo futuro.

Rafa porta sempre il suo fisico al limite e ha bisogno che il suo corpo sia al 100%. Quella dell’anca è un’area piuttosto sensibile, è normale che fosse molto frustrato” – ha aggiunto Alex.

Dopo la semifinale raggiunta a Wimbledon l’anno scorso, non abbiamo più ammirato la miglior versione di Nadal (complici anche i soliti infortuni). Photo credit: Getty Images