Dunlop risponde per le rime a Rafael Nadal e Novak Djokovic



by   |  LETTURE 7185

Dunlop risponde per le rime a Rafael Nadal e Novak Djokovic

Novak Djokovic e Rafael Nadal sono in lotta per vincere il maggior numero di Slam. Il fenomeno serbo è ancora in corsa agli Australian Open, nonostante un infortunio al tendine del ginocchio sinistro stia condizionando le sue prestazioni.

L’ex numero 1 del mondo ha sconfitto Grigor Dimitrov in tre set lottati e sfiderà il beniamino locale Alex de Minaur per un posto nei quarti di finale. Rafa, dal canto suo, è stato eliminato al secondo turno dall’americano McDonald.

Come se non bastasse, il 36enne di Manacor si è procurato una lesione di secondo grado all’ileo-psoas che lo terrà lontano dai campi per circa due mesi. Il 22 volte campione Slam salterà sicuramente l’ATP 500 di Dubai, mentre resta incerta la sua presenza a Indian Wells e Miami.

Non sarebbe così sorprendente rivedere Nadal direttamente sulla terra rossa di Montecarlo. Negli ultimi giorni, diversi tennisti si sono lamentati delle palline Dunlop utilizzate in quest’edizione degli Australian Open.

Nadal, Djokovic, Murray e Felix Auger-Aliassime sono stati i più duri al riguardo.

Dunlop risponde a Nadal e Djokovic

Dopo le pesanti critiche di Djokovic e Nadal, la Dunlop si è difesa tramite una nota ufficiale: “Prendiamo molto sul serio il parere dei giocatori.

In qualità di pallina n.1 del circuito, Dunlop ha 100 anni di esperienza nella produzione di palline da tennis di alta qualità. Le palline Dunlop che si stanno utilizzando in quest’edizione degli AO non sono diverse da quelle degli anni precedenti.

La tecnologia innovativa, i materiali di alta qualità e il processo di produzione sono rimasti invariati per garantire durata e prestazioni eccellenti. L’organizzazione ha ricevuto finora solo 5 reclami su 700 giocatori partecipanti al torneo.

Sono molti i fattori esterni che possono influenzare le ‘prestazioni’ della pallina, fra cui lo stile di gioco, la superficie, il clima e l’umidità. Il meteo a Melbourne è stato molto variabile in questi giorni, passando dai 38 gradi di martedì 17 gennaio ai 16 gradi con pioggia del giorno successivo.

Anche le temperature molto basse in sessione serale possono spiegare questa differenza di sensazioni”. Photo credit: Getty Images