Rafa Nadal dubbioso sulla NextGen: "Molto difficile arrivare a 20 Slam"



by   |  LETTURE 2131

Rafa Nadal dubbioso sulla NextGen: "Molto difficile arrivare a 20 Slam"

Rafael Nadal è uno degli uomini più attesi agli Australian Open 2023. Lo spagnolo, campione in carica, non è in perfette condizioni ma parte comunque come uno dei favoriti per il torneo, testa di serie numero uno grazie al forfait del numero uno al mondo Carlos Alcaraz, assente per infortunio.

Nadal ha vissuto tante emozioni negli ultimi dodici mesi, dai dubbi sulle condizioni fisiche fino alla paternità, arrivata nel finale di un pazzesco 2022. In tanti tra gli addetti ai lavori parlavano dell'esperto campione iberico come 'al canto del cigno', ma ancora una volta il tennista maiorchino ha spiazzato tutti ed ha vinto prima gli Australian Open 2022 e poi il Roland Garros.

Tutto questo nonostante costanti problemi fisici. Un'annata quindi speciale e che verrà ricordata per tanti motivi, come anche le lacrime della Fedal al ritiro di Roger Federer nell'ultima Laver Cup, andata in scena a Settembre.

Ora Nadal ha iniziato male il 2022, è apparso in condizioni abbastanza preoccupanti e nuovamente gli addetti ai lavori continuano a discutere su un possibile ritiro. A riguardo fanno discutere le parole del tennista tedesco Alexander Zverev, netto con una sentenza clamorosa su Rafa.

Il tedesco ha parlato così ad Eurosport: 'Mi spiace dirlo, ma credo che Rafa Nadal si ritirerà al termine del Roland Garros 2023. Mi auguro che ciò non accada ma penso che farà un grande torneo, magari vincerà e poi dirà addio a tutto il circuito".

Rafael Nadal e la NextGen

Nella conferenza stampa alla vigilia degli Australian Open 2023 il campione spagnolo ha parlato così riguardo tanti temi: "Come ha cambiato il mio tennis il fatto di essere padre? Alla fine sto benissimo, avere la mia famiglia qui è molto importante e sono soddisfatto di queste mie giornate di lavoro.

Posso fare la solita routine ed allenarmi il più possibile, credo di essermi allenato più in queste tre settimane che negli ultimi dieci anni. Il 2022? Lo sport va avanti velocemente ed ormai questo è il passato.

Nel tennis le persone ricordano le vittorie, tutti ricordano che ho vinto 22 Slam, non che ne ho persi 50 (ride). Quello che è successo lo scorso anno resterà nel mio cuore e la vittoria qui su Medvedev è tra le più emozionanti della mia carriera.

La NextGen? Non prevedo il futuro e non so cosa accadrà. Carlos ha vinto un titolo dello Slam, gli altri ancora nessuno. Se parliamo di arrivare a 21-22 Slam sappiamo che è una cosa davvero difficile, poi può succedere.

Però va ricordato che non era mai successo in passato. Noi Big Three ci siamo riusciti e il fatto che tutti e tre abbiamo ottenuto questi risultati forse fa perdere la prospettiva di quanto sia dura. Io gioco ancora a 36 anni, per raggiungere questo risultati devi avere una lunga carriera e capita di avere infortuni.

Non ho dubbi sul loro potenziale ma ci sono tante situazioni nella vita e non credo sia giusto parlare di questi numeri". Photo Credit: Australian Open Official