Moutet tra obiettivi e match contro Rafael Nadal: "E' stata una fortuna"

Il tennista francese ha parlato dei suoi obiettivi in una lunga intervista

by Giuseppe Di Lauro
SHARE
Moutet tra obiettivi e match contro Rafael Nadal: "E' stata una fortuna"

Una stagione di alti e bassi quella che ha avuto Corentin Moutet che ha concluso la stagione alla posizione numero 51 del ranking mondiale (posizione più alta della carriera). In questa stagione il francese 23enne ha messo in bacheca due titoli Challenger e cominciando ad essere presente sul circuito principale Atp “È stata una grande stagione per me, soprattutto nella seconda parte dell'anno, dopo il Roland Garros” -ha dichiarato Moutet in un’intervista che ha rilasciato all’Asics Tennis Summit che si è tenuto in quel di Marbella- “Ho concluso con il mio miglior piazzamento.

Ho iniziato bene la stagione. A metà anno ho avuto dei momenti difficili a causa degli infortuni, che sono stati difficili da gestire. Non ho saltato nessun allenamento dopo la preparazione per il Roland Garros, tutto è stato più intenso, trascorrendo più ore in campo e in forma.

Gli obiettivi della prossima stagione “Ora ho una nuova squadra, quindi dobbiamo conoscerci meglio. Dobbiamo trovare l'equilibrio perfetto tra lavoro duro e riposo. Questo è il grande obiettivo. Se riuscirò a farlo, sono sicuro che otterrò ottimi risultati.

Alla fine, credo che la classifica sarà buona, così come le mie prestazioni. All'inizio del 2022 ero intorno al numero 80 del ranking, avevo punti da difendere. Mi ci è voluto un po' di tempo per capire come funzionava, quando li perdevo o meno, a causa della storia di Covid.

Dovevo solo aspettare che le cose tornassero alla normalità. All'inizio volevo tornare nella Top 100, partecipare ai Grandi Slam, e poi raggiungere la Top 50. Per la prossima stagione vorrei essere tra le teste di serie per avere un sorteggio un po' più facile.

Alla fine, la cosa più importante è il lavoro che si fa ogni giorno, l'intensità e la dedizione. I risultati arriveranno se mi alleno abbastanza duramente.

Tra musica Rap e Rafael Nadal

Il tennista ha risposto anche sulla sua seconda passione, il rapper “Mi piace ancora, lo ascolto spesso.

Mi interessa molto mescolare due universi diversi, la musica e il tennis. Sono solo una persona curiosa, sulle persone e su altri aspetti della vita, ma non faccio più musica, non ne ho il tempo. Mi alleno molto e per i prossimi anni mi dedicherò completamente al tennis quando giocherò, è la cosa più importante ora.

Ora che sul circuito è tornato alla normalità, per me è meglio riposare che fare musica”. E su come è stato giocare contro Nadal al Roland Garros “È stata una fortuna giocare contro uno come lui a Parigi, dove ha giocato al miglior livello della sua carriera.

È la sfida più grande che riesco a trovare nel tennis. Sono molto orgoglioso di aver vinto le partite precedenti e di aver scalato la classifica. È stata una grande esperienza. Sono andato in campo per vincere, ovviamente, questo è il mio lavoro e la mia mentalità ambiziosa, ma allo stesso tempo ero felice di essere lì. Non ho alcun rimpianto per quella partita”.

Rafael Nadal
SHARE