Carreno Busta: "Abbiamo un'ottima squadra anche senza Nadal e Alcaraz"



by   |  LETTURE 1776

Carreno Busta: "Abbiamo un'ottima squadra anche senza Nadal e Alcaraz"

Il team spagnolo di Coppa Davis non potrà contare su Rafael Nadal e Carlos Alcaraz nella sfida valida per l’accesso alle semifinali della storica manifestazione a squadre contro la Croazia. L’attuale numero uno del mondo è stato costretto a chiudere anzitempo il suo 2022 e non ha potuto partecipare nemmeno alle ATP Finals di Torino .

L’infortunio subito al Masters 1000 di Parigi-Bercy si è rivelato più grave del previsto: gli esami strumentali hanno evidenziato uno strappo obliquo alla parete addominale sinistra. Nadal, da parte sua, ha spiegato di non essere competitivo in questa parte di stagione e ha preferito non disputare la Coppa Davis.

“Il capitano sapeva che non sarei stato una risorsa quest’anno a causa di tutto quello che ho passato la scorsa stagione e, soprattutto, per quanto accaduto negli ultimi 5 mesi. Non sarei stato in grado di dare il massimo.

E, quando rappresento il mio Paese, devo farlo con passione e fiducia totale; come ho fatto a Madrid nel 2019” , ha dichiarato il maiorchino nell’ultima conferenza stampa tenuta a Torino.

Carreno Busta: "Siamo forti anche senza Nadal e Alcaraz"

La Spagna schiererà in singolare Pablo Carreno Busta e Roberto Bautista Agut.

Il 31enne di Gijon non vede l’ora di scendere in campo ed essere il numero uno spagnolo. “È bello essere il numero uno della squadra spagnola. Ovviamente, preferirei essere il numero due o tre , perché con Nadal e Alcaraz saremmo più forti" , ha confessato Carreno Busta in conferenza stampa.

"Sono pronto per essere il numero 1. Roberto e io abbiamo giocato molte partite di qualificazione negli ultimi anni. Quindi possiamo disputare un buon torneo e, perché no, vincere come nel 2019. Carlos e Rafa non sono qui con noi, ma abbiamo una buona squadra.

Cercheremo di fare del nostro meglio e vincere questa Coppa Davis" . Sergi Bruguera, attuale capitano della Spagna, ha invece dichiarato: "È evidente che se potessimo contare sul numero uno e sul numero due del mondo saremmo più forti.

Ma siamo fortunati ad avere questi giocatori che ci hanno regalato tante vittorie e gioie in passato" . Photo Credit: Reuters