Auger-Aliassime al settimo cielo: "Sono finalmente riuscito a battere Rafael Nadal"



by   |  LETTURE 2702

Auger-Aliassime al settimo cielo: "Sono finalmente riuscito a battere Rafael Nadal"

Felix Auger-Aliassime ha sconfitto per la prima volta in carriera Rafael Nadal e ha guadagnato una importantissima vittoria nel Gruppo Verde delle ATP Finals. Quella tra il canadese e lo spagnolo, considerando i risultati della scorsa domenica, era praticamene una partita da dentro o fuori e Auger-Aliassime ho mostrato tutti i miglioramenti compiuti dal punto di vista mentale negli ultimi mesi.

Il 22enne di Montreal ha fatto la differenza con il servizio e si è aggiudicato, anche grazie a questo fondamentale, tutti i punti chiave che hanno finito per determinare l’esito dell’incontro. Il canadese ha portato a casa l’81% dei punti con la prima di servizio, annullato ben cinque palle break al suo rivale e vinto due dei tre game in cui Nadal gli ha offerto delle chiare occasioni.

Auger-Aliassime dopo il successo contro Nadal: "Vittoria speciale"

“È una vittoria speciale. Non è mai facile battere giocatori di questo calibro. Questo successo mi conferisce molta fiducia. È bello poter dire di essere finalmente riuscito a battere Nadal, sopratutto in un torneo come questo.

È una vittoria molto importante per restare in vita nel torneo e avere la possibilità di andare avanti” , ha dichiarato Auger-Aliassime in conferenza stampa. “Non ho pensato al fatto che Nadal potesse diventare numero uno.

Veramente non lo sapevo. Per me era semplicemente un’opportunità di vincere questa partita e andare avanti nel torneo. Quando affronti un grande giocatore, hai sempre delle motivazioni extra e provi a giocare il tuo miglior tennis.

Sono stato in grado di farlo oggi. È speciale aver battuto lui, Novak Djokovic alla Laver Cup e Roger Federer prima. È un ricordo speciale per un giocatore giovane come me” . Il canadese ha deciso di aggiungere al suo team Toni Nadal, zio ed ex allenatore del 22 volte campione Slam.

“Abbiamo parlato delle cose che avevo bisogno di fare, non nello specifico di Rafa. Conosco Nadal, l’ho visto giocare molte volte. Avevo già giocato contro di lui. Quando affronto lui, Novak Djokovic o qualsiasi altro tennista che conosco bene, il mio coach Fred mi fornisce le statistiche delle precedenti partite.

Mi parla delle cose che hanno o non hanno funzionato, affinché io possa avere le idee più chiare. Al di fuori di questo, non mi ha rivelato nessun segreto. Niente di speciale” . Photo Credit: Getty Images