Suarez Navarro: "La carriera di Rafael Nadal è agli sgoccioli"



by   |  LETTURE 5246

Suarez Navarro: "La carriera di Rafael Nadal è agli sgoccioli"

Il 2022 di Rafael Nadal è stato ricco di alti e bassi. Il fuoriclasse spagnolo ha disputato una prima parte di stagione incredibile, aggiudicandosi gli Australian Open e il Roland Garros nonostante il persistente dolore al piede.

L’ex numero 1 del mondo ha vinto le prime 20 partite giocate quest’anno, dimostrando per l’ennesima volta di essere una leggenda vivente. Il 36enne di Manacor è andato a caccia del suo terzo titolo a Wimbledon, ma uno strappo agli addominali gli ha impedito di giocare la semifinale contro Nick Kyrgios.

Quella battuta d’arresto ha influito anche sul suo percorso di avvicinamento agli US Open, dove sperava di approfittare dell’assenza di Novak Djokovic. L’iberico è arrivato a New York molto lontano dalla miglior condizione ed è uscito di scena già negli ottavi per mano di Frances Tiafoe.

Dopo essere diventato padre del piccolo Rafael, il maiorchino dovrebbe giocare il Masters 1000 di Parigi-Bercy e le ATP Finals in quest’ultimo scorcio di stagione. Durante un’intervista rilasciata ad ‘AS’, Carla Suarez Navarro ha parlato del suo illustre connazionale.

Rafa ha conquistato due Slam quest'anno

“Rafael Nadal vuole continuare a giocare ai massimi livelli, ma è chiaro che la sua carriera è agli sgoccioli” – ha esordito Carla senza giri di parole.

“Il tempo passa per tutti e il suo corpo è stato messo a dura prova. Fisicamente non è più quello di una volta, anche se la sua forza mentale continua a sorprenderci” – ha aggiunto. La Suarez Navarro ha parlato anche di Roger Federer: “Ogni appassionato di sport adora Federer.

È questa la sua principale eredità. È complicato dire se sia o meno il più grande di sempre, non esiste una risposta oggettiva a questa domanda. Ciò che è innegabile è che Roger ha cambiato il tennis e lo sport.

Chiunque si avvicina ad uno sport, qualunque esso sia, sogna di avere l’eleganza e lo stile di Federer. Sembrava che non facesse il minimo sforzo in campo. Tutti vorremmo essere come lui”. Lo svizzero ha salutato il tennis giocato alla Laver Cup il mese scorso. Photo credit: Getty Images