Come sta Rafael Nadal? Parla il suo medico



by   |  LETTURE 3222

Come sta Rafael Nadal? Parla il suo medico

Il 2022 ha regalato a Rafael Nadal diverse gioie e qualche dispiacere. Il fenomeno spagnolo è riuscito nell’impresa di aggiudicarsi due Slam quest’anno, trionfando agli Australian Open e al Roland Garros contro ogni pronostico.

L’ex numero 1 del mondo era infatti reduce da un brutto 2021, chiuso anzitempo a causa dell’infortunio al piede. Il 36enne di Manacor ce l’ha messa tutta per conquistare il suo terzo titolo a Wimbledon, ma uno strappo agli addominali gli ha impedito di giocare la semifinale contro Nick Kyrgios.

Quel contrattempo ha influenzato anche il suo percorso di avvicinamento agli US Open, avendolo costretto a saltare il Canadian Open. Il maiorchino è arrivato a New York ben lontano dalla miglior forma, uscendo di scena già negli ottavi per mano di uno scatenato Frances Tiafoe.

Sabato 8 ottobre, Rafa e sua moglie Xisca hanno dato alla luce il loro primo figlio. Il 22 volte campione Slam dovrebbe giocare il Masters 1000 di Parigi-Bercy e le ATP Finals in quest’ultimo scorcio di stagione, per poi disputare una serie di esibizioni in Sudamerica.

In un’intervista rilasciata a ‘elcomercio.com’, il dottor Angel Ruiz Cotorro ha parlato delle condizioni di Nadal e non solo.

Cotorro rassicura i fan di Nadal

“Rafael Nadal sta bene. È orgoglioso della sua paternità ed è in linea con il programma stabilito per la fine della stagione.

Il segreto del suo successo risiede nel lavoro quotidiano, nella voglia di migliorarsi ogni giorno e nella sua passione per il tennis” – ha dichiarato Cotorro. Il tennis è uno sport che mette a dura prova il fisico.

“C’è una varietà sempre maggiore di infortuni, ma al momento i più preoccupanti sono quelli all’anca. È una tipologia di infortunio che insorge molto presto, già in giovane età, e da cui è complicato riprendersi.

Anche la spalla, il polso e la schiena sono molto sollecitati nel tennis” – ha spiegato Cotorro. Il grande obiettivo di Rafa è vincere le ATP Finals, un trofeo che ancora manca nella sua ricchissima bacheca. Vedremo se la città di Torino gli porterà fortuna. Photo credit: Getty Images