'Lo davo quasi per ritirato': la confessione di McEnroe su Rafael Nadal

Dopo un 2021 costellato di infortuni, Rafael Nadal è risorto per l’ennesima volta

by Simone Brugnoli
SHARE
'Lo davo quasi per ritirato': la confessione di McEnroe su Rafael Nadal

Dopo un 2021 costellato di infortuni, Rafael Nadal è risorto per l’ennesima volta. Il fenomeno spagnolo, che aveva disputato appena sette tornei ufficiali l’anno scorso, ha lasciato tutti quanti a bocca aperta nel 2022 aggiudicandosi gli Australian Open e il Roland Garros.

L’ex numero 1 del mondo ha vinto le prime 20 partite disputate in questa stagione, ribadendo di essere una leggenda vivente dello sport. Grazie al suo 14° successo a Parigi, il 36enne di Manacor si è issato a quota 22 Slam allungando su Novak Djokovic e Roger Federer nella classifica all-time.

Il serbo ha accorciato il gap trionfando per la settima volta a Wimbledon, ma non si è potuto recare negli Stati Uniti a causa del suo status di ‘non vaccinato’. Rafa ha tentato di vincere anche i Championships, ma uno strappo agli addominali gli ha impedito di giocare la semifinale contro Nick Kyrgios.

Avendo giocato pochissimo nel 2021, il maiorchino ha buone chance di chiudere l’anno in vetta al ranking ATP. Sarebbe una ciliegina sulla torta, l’ennesima.

Rafa ha vinto due Slam quest'anno

Ai microfoni di Eurosport, John McEnroe ha voluto rendere omaggio a Nadal: “Se ricordate come stava Rafa un anno fa, era lecito ipotizzare che la sua carriera fosse giunta al termine.

Aveva dovuto saltare sia Wimbledon che gli US Open e il piede non lo lasciava in pace. Sei mesi dopo ha vinto gli Australian Open, nonostante una preparazione abbastanza travagliata. Si poteva immaginare un suo trionfo al Roland Garros, ma sicuramente non ci aspettavamo quello a Melbourne.

Così come non ci aspettavamo la semifinale a Wimbledon. Se riuscisse a chiudere l’anno in vetta al ranking ATP, sarebbe l’ennesima impresa memorabile. Avrebbe un valore addirittura superiore ad uno Slam”.

Gli ha fatto eco Alex Corretja: “Essere numero 1 per una o due settimane non sarebbe nulla di così speciale per lui. Tuttavia, finire l’anno da numero 1 al mondo sarebbe un qualcosa di pazzesco. Nadal è uno dei più grandi atleti di sempre e ci ha regalato emozioni indescrivibili quest’anno”.

Rafael Nadal
SHARE