"È triste": Rafael Nadal commenta l'esclusione di Novak Djokovic dagli Us Open

Lo spagnolo parla di come sarà il suo ritorno in campo dopo Cincinnati

by Luca Ferrante
SHARE
"È triste": Rafael Nadal commenta l'esclusione di Novak Djokovic dagli Us Open

Rafael Nadal è pronto ad affrontare l'appuntamento più prestigioso sul cemento, vale a dire gli Us Open a New York da lunedì, con una sola partita di preparazione su questa superficie. Nonostante questo aspetto non di poco conto, lo spagnolo vuole essere protagonista assoluto del torneo ed è naturalmente nei primi posti fra i possibili vincitori finali.

Le sue parole dagli Stati Uniti

In conferenza l'iberico ha precisato quali sono i suoi attuali pensieri e sensazioni: "Sono felice di essere tornato. L'ultima volta che sono stato qui era il 2019, quindi sono entusiasta di ritornare.

È uno dei posti più importanti della mia carriera e sto cercando di dare il massimo in ogni sessione di allenamento per essere competitivo fin dal primo turno" ha dichiarato. Sul problema all'addome: "È stato difficile far fronte a questa pressione, soprattutto perché è molto pericolosa.

Quando hai un infortunio come questo, rischia di aprirsi proprio perché gli metti molta pressione servendo. Devi ritrovare la flessibilità e all'inizio non è stato facile. A Cincinnati sono andato un po' più rilassato, anche in allenamento.

Ho cercato di dare il massimo nel match contro Coric senza forzare troppo il servizio, ma ho lottato fino alla fine. Qui sto facendo del mio meglio per essere preparato. Spero di essere competitivo" ha aggiunto. Il campione di 22 titoli Slam, che è già sicuro di restare in testa in questa classifica a fine 2022, ha deciso di parlare dell'esclusione di Djokovic dalla manifestazione statunitense: "Sapevamo già da tempo che Novak non avrebbe potuto giocare se le cose non fossero cambiate.

Dal mio punto di vista è triste che Nole non sia qui. Peccato che i migliori non possano giocare un torneo per infortunio o altri motivi. In questo caso, il fatto che uno dei migliori della storia non ci sia è una grande perdita.

È dura per tutti, il torneo, i tifosi e noi, perché vogliamo il miglior sorteggio possibile. D'altra parte, come ho già detto altre volte, lo sport è molto più grande di qualsiasi giocatore.

Ho anche perso molti tornei. Sono due anni che non vengo qui. Il torneo continua. Il mondo continua a girare. Il mondo continuerà anche dopo di me, Novak o Roger. Ogni anno ci sarà un campione diverso. A livello personale, mi dispiace di non potrà essere qui" ha concluso. Photo credit: Western & Southern Open.

Rafael Nadal Novak Djokovic Us Open
SHARE