Nadal: caccia al 23° Slam e alla vetta. Il cammino agli Us Open

Nadal sul cemento di Flushing Meadows andrà a caccia del 23° Slam e della vetta del ranking. Questo il suo cammino

by Perri Giorgio
SHARE
Nadal: caccia al 23° Slam e alla vetta. Il cammino agli Us Open

La striscia di diciannove vittorie consecutive negli Slam non ha ancora trovato a tutti gli effetti una conclusione per Rafa Nadal, costretto a zompare la semifinale di Wimbledon a causa di un problema agli addominali. Lo stesso, sostanzialmente, che gli ha impedito di partecipare alla tappa numero uno della mini-tournée sul cemento nordamericano, a Montreal.

Il campionissimo spagnolo, che dopo la sconfitta all'esordio contro Borna Coric a Cincinnati si è spostato immediatamente a New York per iniziare gli allenamenti, ha finalmente conosciuto anche il nome dell'avversario di primo turno e l'ipotetico cammino verso la ventitreesima perla Slam e la prima posizione del ranking.

Nonostante le varie concatenazioni (potrebba addirittura permettersi di cadere al primo turno qualora i quattro inseguitori non dovessero raggiungere i quarti di finale) il campionissimo spagnolo ha la sicurezza di avere il destino nelle proprie mani.

Non un lusso da poco.

Il cammino di Rafa Nadal: Carlos Alcaraz 'solo' in semifinale

Dopo un primo turno turno piuttosto morbido contro l'australiano Hijikata, lo spagnolo potrebbe ritrovare Fabio Fognini sul cemento di Flushing Meadows.

Indimenticabile il precedente datato 2015 con il taggiasco capace di recuperare due set e un break di ritardo prima di spuntarla in maniera eroica al primo set. Solamente a Federer (a Miami nel 2004) era riuscita un'impresa del genere prima.

Insomma: Fognini o Aslan Karatsev, avversario tutt'altro che scontato per il tennista azzurro che a New York non ha mai superato il taglio del quarto turno. Strada più o meno spianata, a bocce completamente ferme, almeno fino agli ottavi di finale: in linea del tutto teorica il peggior avversario possibile al terzo turno potrebbe essere Miomir Kecmanovic mentre ai piedi dei quarti di finale potrebbe trovare Diego Schwartzman.

Nel quarto del quattro volte campione del torneo orbitano Rublev, Shapovalov, Norrie e Rune. La sfida con Carlos Alcaraz potrebbe proporsi quindi in semifinale: condizione che pone il diciannovenne nella condizione di avere (proprio come il connazionale) il destino nelle proprie mani visto che vincendo il torneo balzerebbe in vetta al ranking. Photo Credit: Getty Images

Us Open
SHARE