Ferrer torna sul paragone tra Carlos Alcaraz e Rafael Nadal



by   |  LETTURE 7374

Ferrer torna sul paragone tra Carlos Alcaraz e Rafael Nadal

Carlos Alcaraz è stata la grande rivelazione di questa prima metà di stagione. Il giovane spagnolo ha compiuto diverse imprese nel 2022, tanto da essere già stato designato come il futuro dominatore del circuito maschile.

Il pupillo di Juan Carlos Ferrero si è aggiudicato i Masters 1000 di Miami e Madrid, togliendosi lo sfizio di battere Rafael Nadal e Novak Djokovic nella capitale iberica. Come se non bastasse, il murciano ha conquistato anche gli ATP 500 di Rio e Barcellona.

‘Carlitos’ ha bisogno invece di un ulteriore salto di qualità per vincere gli Slam, come dimostrano le premature eliminazioni al Roland Garros e a Wimbledon. A Parigi, dove era considerato uno dei super favoriti, si è arreso nei quarti ad Alexander Zverev, mentre sui prati londinesi non è andato oltre gli ottavi (sconfitto in quattro set da Jannik Sinner).

Alcaraz cercherà di riscattarsi agli US Open, dove l’anno scorso si mise in mostra eliminando Stefanos Tsitsipas. In una recente intervista al sito ‘Superdeporte’, il direttore dell’ATP di Barcellona David Ferrer ha espresso la sua opinione sul suo connazionale.

Il pensiero di David Ferrer

“Carlos Alcaraz è già un grandissimo giocatore e diventerà un tennista molto migliore di me, questo è certo” – ha esordito Ferrer. “Per quanto riguarda il paragone con Rafael Nadal, ci andrei molto cauto.

Rafa è una leggenda dello sport moderno, i cui risultati difficilmente potranno essere eguagliati. Carlos deve fare ancora tanta strada, ma sono sicuro che arriverà in vetta al ranking ATP e che vincerà diversi Slam, perché non gli manca nulla dal punto di vista tecnico e mentale.

Conosco molto bene il suo team, in particolare il suo manager Albert e il suo coach Juan Carlos Ferrero. Sono due persone molto competenti, che permetteranno ad Alcaraz di esprimere a pieno il suo talento” – ha chiosato David.

In conferenza stampa ad Amburgo, ‘Carlitos’ ha rivelato i suoi prossimi obiettivi: “Non guardo troppo la classifica in questo momento. Se riuscirò a vincere partite e tornei, continuerò a salire nel ranking. Mi piacerebbe qualificarmi per le ATP Finals”.