Wilander analizza le prestazioni di Rafael Nadal a Wimbledon



by SIMONE BRUGNOLI

Wilander analizza le prestazioni di Rafael Nadal a Wimbledon

Rafael Nadal ha mostrato qualche segno di debolezza nei suoi primi due match a Wimbledon. Il fuoriclasse spagnolo ha lasciato un set sia a Francisco Cerundolo che a Ricardas Berankis, commettendo un numero insolito di errori gratuiti ed evidenziando uno scarso feeling con la superficie.

L’ex numero 1 del mondo non trionfa a Church Road dal lontano 2010, mentre risale al 2011 la sua ultima apparizione in finale. Il 36enne di Manacor non era certo di partecipare ai Championships, ma il nuovo trattamento con il dottor Cotorro gli ha permesso di attenuare il dolore al piede.

L’iberico ha conquistato due Major quest’anno, lasciando tutti quanti a bocca aperta sia agli Australian Open che al Roland Garros. Rafa si è così portato a +2 su Roger Federer e Novak Djokovic nella classifica all-time degli Slam.

Il prossimo ostacolo sul suo cammino sarà l’italiano Lorenzo Sonego, autore di un’ottima prestazione contro il francese Gaston. Ai microfoni di Eurosport, Mats Wilander ha analizzato nel dettaglio il rendimento di Nadal sui prati londinesi.

Nadal ha faticato nei primi due round

“Rafael Nadal ha dovuto saltare qualche edizione di Wimbledon negli ultimi anni, ma non ha mai abbandonato il desiderio di rivincere questo torneo” – ha spiegato Wilander.

“La costanza di Roger Federer, Novak Djokovic e Rafa Nadal negli Slam mi lascia senza parole. Rafa ha 36 anni, lo abbiamo visto con una fascia sugli addominali e il suo piede non è in perfette condizioni, ma ciò non gli impedisce di scendere in campo e vincere le partite.

L’erba è la peggior superficie per lui sotto molti aspetti, anche se ha conquistato due titoli a Londra. Questo la dice lunga sulla grandezza dello spagnolo. Sull’erba i giocatori di seconda fascia sanno di avere più chance di battere Nadal” – ha chiosato Mats.

L’ex campione americano Andy Roddick ha elogiato i miglioramenti dello spagnolo a rete: “Nadal potrebbe avere la miglior volée del circuito in questo momento. Non se ne parla abbastanza perché non scende a rete con grande frequenza, ma quando lo fa è super efficace”.

Rafael Nadal Wimbledon