Moya ammette: "Dopo aver battuto Moutet, Rafael Nadal non riusciva a camminare"



by   |  LETTURE 6408

Moya ammette: "Dopo aver battuto Moutet, Rafael Nadal non riusciva a camminare"

Rafael Nadal ha compiuto l'ennesima impresa della sua straordinaria carriera al Roland Garros. Il campione spagnolo è stato costretto a sottoporsi a delle continue infiltrazioni al nervo del piede per competere a Parigi e, nonostante le condizioni non ottimali, è riuscito a superare tutti gli ostacoli.

Il maiorchino ha sollevato al cielo per la quattordicesima volta la Coppa dei Moschettieri e guadagnato un ulteriore vantaggio nella lotta al primato Slam con Roger Federer e Novak Djokovic portandosi a quota 22 Major. Carlos Moya, allenatore di Nadal, ha svelato i retroscena di una vittoria sofferta ma speciale in un'intervista esclusiva rilasciata a Eurosport.

Moya torna sulla vittoria di Nadal al Roland Garros

"E' stata un'esperienza unica, uno Slam abbastanza diverso dagli altri. Siamo abituati a vivere esperienze indimenticabili. E' stato il primo anno in cui Rafa è arrivato al Roland Garros senza aver vinto tornei sulla terra battuta" , ha spiegato Moya.

"Dopo la sconfitta contro Shapovalov a Roma, non sapevamo se avrebbe giocato a Parigi. Dopo aver battuto Moutet al secondo turno, non poteva camminare. Il giorno successivo avevamo programmato un allenamento alle 12:00, ma lo abbiamo spostato alle 18:00 ed è durato solo 20 minuti.

A Rafa questo non piace, ha bisogno di allenarsi per almeno un'ora durante il giorno di riposo.Dico sempre la stessa cosa: è Rafa Nadal. Nonostante le avversità che gli si presentano, trova sempre un modo per superarle e andare avanti.

Se le persone vedessero tutto quello che è successo nell'ultimo mese, apprezzerebbero Nadal molto di più. Non che mi stupisca, perché ho la massima fiducia in lui. Se ci pensi, ha vinto 14 Roland Garros, è difficile non ammirarlo.

Vincere 22 titoli del Grande Slam è impressionante, ma conquistare il Roland Garros 14 volte... Ha perso solo tre partite nella sua carriera a Parigi! Il record di 22 Slam può essere battuto, Djokovic è un candidato forte, ma penso che sarà impossibile vedere qualcuno vincere lo stesso torneo così tante volte" .