Roig e i primi allenamenti di Rafael Nadal sull'erba: "All’inizio è sempre difficile"



by   |  LETTURE 1712

Roig e i primi allenamenti di Rafael Nadal sull'erba: "All’inizio è sempre difficile"

“Andrò a Londra e se viaggio è perché ho intenzione di giocare. Poi vedremo cosa accadrà: sono prudente, ma quello che è successo finora mi dà speranza di poter essere presente.

Il trattamento e la settimana di allenamento mi danno fiducia. Negli ultimi 15 anni gli Slam sono stati sempre vinti dagli stessi 3-4 giocatori, mentre sull'erba tutto può cambiare perché possono succedere cosa insperate” .

Nel corso della conferenza stampa convocata a Maiorca, Rafael Nadal ha annunciato che parteciperà alla prossima edizione di Wimbledon e che il trattamento al piede sta ottenendo gli effetti desiderati. Prima di fare il suo esordio sui prati dell’All England Club, il maiorchino parteciperà al Giorgio Armani Tennis Classic.

L’evento di esibizione si svolgerà presso l’Hurlingham Club e, oltre a Nadal, vedrà competere anche Novak Djokovic, Carlos Alcaraz, Stan Wawrinka, Felix Auger-Aliassime, Casper Ruud e David Goffin.

Nadal affronterà Wawrinka quest'oggi alle ore 15:30 e Auger-Aliassime il prossimo venerdì.

Roig su Nadal: "All'inizio è sempre difficile sull'erba"

Francisco Roig, storico allenatore di Nadal, ha parlato delle prime impressione provate dal 22 volte campione Slam sull’erba.

Lo spagnolo si è ritrovato sotto di un set e di un break contro Kamil Majchrzak e ha espresso il suo rammarico per il livello espresso. Roig, però, è sembrato molto ottimista ai microfoni dell’agenzia di stampa EFE .

“All’inizio è sempre difficile. Quando inizi a giocare sull’erba è complicato. Non è la prima volta che succede e speriamo che non sia l’ultima. Ci sono ancora molti giorni per trovare i meccanismi di cui hai bisogno su questa superficie, i movimenti, l’impatto con la palla.

Rafa sta bene e non vede l’ora di giocare il torneo” . Nadal sarà la testa di serie numero 2 a Wimbledon e potrà incontrare l'altro grande favorito, ovvvero Djokovic, solo in finale.