Quante chance ha Rafael Nadal di vincere Wimbledon? La risposta di Bautista Agut



by   |  LETTURE 4078

Quante chance ha Rafael Nadal di vincere Wimbledon? La risposta di Bautista Agut

Rafael Nadal ha deciso di partecipare al torneo di Wimbledon, continuando a cullare un sogno chiamato ‘Calendar Grand Slam’. L’ex numero 1 del mondo si è aggiudicato i primi due Major stagionali, nonostante il dolore al piede continui a tormentarlo e a mettere in dubbio il suo futuro.

Il 36enne spagnolo si è sottoposto ad un nuovo trattamento dopo aver vinto il Roland Garros e farà tutto il possibile per arrivare in buona forma a Londra. Il 22 volte campione Slam si è imposto due volte sui prati di Church Road, più precisamente nel 2008 e nel 2010, mentre l’anno scorso era stato costretto a dare forfait per infortunio.

Il maiorchino non partirà con i favori del pronostico, ma sarà una minaccia per tutti se dovesse raggiungere la seconda settimana. Ricordiamo infatti che Nadal ha centrato la semifinale sia nel 2018 che nel 2019, perdendo soltanto contro Novak Djokovic e Roger Federer.

Ai microfoni di Eurosport, Roberto Bautista Agut ha analizzato le chance del suo connazionale sull’erba londinese.

Nadal punta al bersaglio grosso

“Rafael Nadal è un candidato per la vittoria in ogni torneo che gioca” – ha tagliato corto Bautista Agut.

“Rafa non è più giovanissimo e ha messo a dura prova il suo corpo negli ultimi 15 anni, quindi è normale che debba fare i conti con il dolore. Stiamo parlando di un giocatore che ha superato i limiti canonici.

Nadal è colui che ha dimostrato la maggiore capacità di sacrificarsi per superare i momenti difficili” – ha aggiunto Roberto. Gli ha fatto eco la leggenda del tennis indiano Mahesh Bhupathi: “Io sono sempre stato un grandissimo fan di Roger Federer, ma i numeri di Nadal sono impressionanti.

Il fatto che abbia vinto 14 volte a Parigi mi lascia senza parole. Il Roland Garros è lo Slam più dispendioso dal punto di vista fisico, il che rende la sua impresa ancora più eccezionale. Il suo piede era completamente insensibile durante il torneo, ma lui è riuscito comunque a sollevare il trofeo. È un atleta veramente speciale”.