Toni Nadal: "Rafa giocò un'altra finale slam con il piede addormentato"

Lo zio del fenomeno spagnolo ha rilasciato un'intervista piuttosto interessante

by Giuseppe Di Lauro
SHARE
Toni Nadal: "Rafa giocò un'altra finale slam con il piede addormentato"

Rafael Nadal ha messo in bacheca il suo quattordicesimo Roland Garros e il suo ventiduesimo slam in carriera grazie alla vittoria in finale contro Casper Ruud.
Il maiorchino ha stretto i denti nonostante il problema cronico al piede riuscendo a firmare la sua ennesima impresa di una carriera pazzesca.

Suo zio Toni, in un’intervista a Punto de Break, ha parlato di molti aspetti legati a suo nipote di cui alcune che non si sapevano
“Non avrei mai immaginato che mio nipote avrebbe vinto tutto quello che ha vinto.

Sono molto sorpreso da quello che fa Rafa, che, con il dolore che ha, riesce a pensare alla palla e non al suo piede". Non è la prima volta che Rafa gioca con queste condizioni
"Anche in altri Slam ha giocato con il piede addormentato.

A Wimbledon 2008 ha giocato la finale contro Federer con il piede addormentato".

Nel 2019 Nadal non voleva giocare il Roland Garros

Un altro aneddoto è legato al 2019 dopo la sconfitta contro Fognini
"Nel 2019, a Monte Carlo, perde con Fognini e mi dice che non ce la fa più, che ha bisogno di riposo e che non andrà al Roland Garros.

Mi ha detto che era stanco di soffrire. Gli ho consigliato di andare avanti ancora un po', di guardare la bacheca dei trofei e vedere tutto quello che aveva vinto e che se avesse avuto la possibilità di andare avanti ancora un po', si sarebbe sentito un po' meglio".

Tra Roland Garros e Australian Open
"Dopo Roma, ho detto a Rafa che se avesse giocato come nel primo set contro Shapovalov, il livello sarebbe stato quello di vincere il Roland Garros. Durante gli Australian Open, invece, abbiamo avuto una videochiamata e mi ha detto che non poteva muoversi.

Ho detto ai miei figli che, stando così, non sarebbe stato in grado di fare nulla. Ma dopo due partite intense, ha alzato il livello e si è rimesso in forma. Rafael è capace di superare se stesso".

Nadal, che adesso è tornato nella sua Manacor, nei prossimi giorni dovrebbe sciogliere ogni dubbio circa la sua presenza o meno a Wimbledon.

Toni Nadal
SHARE