Le preoccupanti dichiarazioni di Garcia sulle condizioni di Rafael Nadal

Il giornalista spagnolo ha rivelato alcune indiscrezioni sull'infortunio al piede del tennista maiorchino

by Gianluca Ruffino
SHARE
Le preoccupanti dichiarazioni di Garcia sulle condizioni di Rafael Nadal

Ci sono poche certezze nella vita di ogni uomo, anzi, pochissime. Tra queste, quella assoluta è che Rafael Nadal è stato, è e sarà l’uomo da battere sulla terra di Parigi. Anche contro un Novak Djokovic in grande spolvero e reduce dal trionfo a Roma, nonostante l’annoso problema al piede che affligge ormai da tantissimo tempo il tennista maiorchino, è stato Nadal a spuntarla e conquistare la 15esima semifinale in carriera al Roland Garros, a caccia del titolo numero 14.

Il tennista di Manacor ha battuto il numero uno del mondo e campione in carica col punteggio di 6-2 4-6 6-2 7-6(4) dopo 4 ore e 12 minuti, vendicando la sconfitta in 4 set subita lo scorso anno in semifinale. Mancano soltanto due passi alla conquista del 22esimo slam per il campione spagnolo, ma secondo alcuni giornalisti potrebbero essere gli ultimi di Rafa Nadal, o almeno nell’anno corrente.

Il giornalista spagnolo Angel Garcia, parlando alla radio COPE, ha rivelato che il tennista spagnolo ha fatto di tutto per poter partecipare allo slam francese.

“Nadal non giocherà se non troverà la soluzione"

Secondo Garcia, Nadal ha completamente anestetizzato la propria gamba per non sentire il dolore al piede.

“Ha una gamba completamente anestetizzata per poter giocare a Parigi. Si cercherà una soluzione, forse la si troverà, ma Nadal non giocherà dopo Parigi finché non si troverà la soluzione giusta.

Subirà le conseguenze del gioco, ma pensava che il Roland Garros valesse tutto” ha detto il giornalista. C’è dunque il rischio concreto che al termine del Roland Garros Nadal possa rinunciare alla seconda parte di stagione per dedicarsi alle cure al proprio piede.

Un altro giornalista spagnolo, Angel Rigueira, ha scritto un articolo sul quotidiano Mundo Deportivo sulle difficoltà di Nadal da quando gli è stata diagnosticata la sindrome di Müller-Weiss. “Non si è arreso contro Shapovalov a Roma, ma ha sofferto di un dolore sovrumano.

Questo lo ha frustrato molto. Ha portato con sé al Roland Garros il medico Angelo Ruiz-Cotorro, l'uomo che lo ha guidato in tutte le terapie dal 2005” ha detto Rigueira, il quale ha poi aggiunto “Ha deciso tutto o niente per venire qui.

Rischia l'intera stagione, questo è certo. Dirà tutto dopo il torneo, spera che il mondo lo capisca. Ora ha alle spalle due partite di quattro ore ciascuna e Zverev lo aspetta. Tutto è programmato per giovedì, è seguito anche da nutrizionisti, massaggiatori, ci sono Carlos Moya e Marc Lopez, tutti faranno di tutto per aiutare Rafa a vincere il 22° titolo del Grande Slam”.

Non resta che aspettare la fine del torneo francese per capire realmente quale sarà la decisione di Nadal. Magari con uno slam in più nel palmares…

Rafael Nadal
SHARE