Le riflessioni di Rafael Nadal prima dell'esordio al Roland Garros

Lo spagnolo sfiderà l'australiano Thompson per cominciare nel migliore dei modi l'avventura nel torneo parigino

by Luca Ferrante
SHARE
Le riflessioni di Rafael Nadal prima dell'esordio al Roland Garros

È la sua casa e ogni anno ci si aspettano grandi cose da lui, anche se può non partire come uno dei favoriti alla vittoria finale per le condizioni fisiche non ottimali e una concorrenza (giocatori come Novak Djokovic, Carlos Alcaraz) molto agguerrita ad arrivare fino in fondo.

Sta per cominciare l'avventura di Rafael Nadal nell'edizione 2022 del Roland Garros: primo turno per lo spagnolo in programma proprio lunedì 23 maggio sul campo centrale Philippe-Chatrier contro l'australiano Jordan Thompson.

Una partita importante visto che l'iberico è in cerca di conferme dal punto di vista della forma, dopo il problema al piede durante gli Internazionali d'Italia che lo ha costretto praticamente a cedere il passo al canadese Denis Shapovalov.

Le sue parole

Il vincitore di 21 titoli Slam è stato intervistato prima del debutto ufficiale ai microfoni di Eurosport: "Nel 2020 non avevo giocato qui ma era una situazione diversa, perché praticamente non c'era stata la stagione sulla terra battuta.

Quest'anno, purtroppo, è successo quello che è successo a Indian Wells: ho sprecato sei settimane senza fare niente, praticamente. Ma siamo arrivati ​​qui, sempre con buone sensazioni, perché questo è un posto che mi ha regalato momenti indimenticabili" ha dichiarato.

Poi ha proseguito: "Quello che mi dà tranquillità è sentire che sto giocando bene e se il mio fisico risponde al meglio. Questo è un lavoro che devo fare ogni giorno. Ci sono cose da migliorare nel tennis e non lo faremo parlando di problemi fisici, che sappiamo già che ci sono ogni giorno.

In questo senso abbiamo intenzione di mettermi in una situazione tennistica migliore per essere competitivo con tutti. Nello sport le cose cambiano rapidamente e drasticamente se uno è preparato Quello che devo fare è essere preparato mentalmente, fisicamente e dal punto di vista del tennis.

Arriverà il momento in cui arriverò a un livello che mi permetterà di giocare ad alto livello e mi farà aspirare agli obiettivi" ha aggiunto e concluso.

Rafael Nadal Roland Garros
SHARE