Sinner: "Mi piacerebbe giocare il doppio con Rafa Nadal. E poi se perdo..."



by   |  LETTURE 5229

Sinner: "Mi piacerebbe giocare il doppio con Rafa Nadal. E poi se perdo..."

Jannik Sinner è reduce dai quarti di finale agli Internzionali Bnl d’Italia dove si è dovuto arrendere in due set a Stefanos Tsitsipas. Attualmente il giovane tennista azzurro, numero 12 del ranking mondiale, si trova già in quel di Parigi per preparare al meglio il Roland Garros.

Il tennista azzurro, parlando dei suoi colleghi, ha definito Rafael Nadal come uno dei più grandi tennisti della storia, ma non solo.
In una recente intervista pubblicata su youtube dal canale dell’Atp Tour, Jannik Sinner, alla domanda con chi gli piacerebbe giocare un doppio tra lo spagnolo, Bjorn Borg e Guillermo Vilas, non ha avuto tentennamenti: “Scelgo Rafa perché lo conosco.

E’ uno dei più grandi di tutti i tempi. Io in doppio non sono molto bravo, quindi se perdiamo è colpa mia (ride n.d.r)”.

Thiem e Fognini si allineano alla decisione di Sinner

Non solo l’altoatesino ha scelto il campione di Manacor come suo possibile partner.

Anche Dominic Thiem, che ha perso due finali slam consecutive a Parigi contro Nadal, ha dichiarato: “Giocherò con Rafa contro Borg e Vilas. Io lo conosco abbastanza bene, ho giocato grandi partite contro di lui, quindi sarebbe bello giocarci in doppio”.

Un altro azzurro che propende per il ventuno volte vincitore slam è Fabio Fognini: “Sceglierò Rafa. Fisicamente penso che siamo più forti di Borg e Vilas. Quindi spero che funzioni (ride n.d.r). Stefanos Tsitsipas, invece, ha virato verso Bjorn Borg come suo partner da sogno nel doppio.

Il Roland Garros sta per prendere ufficialmente il via. In questi giorni si stanno giocando le qualificazioni dello slam, mentre le prime partite del primo turno avverranno domenica 22 maggio. Nadal andrà a caccia del quattordicesimo slam stagionale, Novak Djokovic proverà a riconfermarsi campione mentre Jannik Sinnercercherà di confermare se non migliorare i quarti di finale ottenuti due anni fa quando fu poi sconfitto proprio dal maiorchino.