Carlos Alcaraz rivela le sue sensazioni sul Roland Garros di Rafael Nadal



by   |  LETTURE 2398

Carlos Alcaraz rivela le sue sensazioni sul Roland Garros di Rafael Nadal

Non ci sono state possibilità di difesa del titolo per Rafael Nadal a Roma. Il tennista spagnolo, arrivato a quota dieci titoli agli Internazionali d’Italia, è stato sconfitto al terzo turno da Denis Shapovalov per un infortunio al piede, con cui convive da anni, come dichiarato da lui stesso nella conferenza stampa che ha seguito la sconfitta.

Nessuno spagnolo, dunque, ha superato il terzo turno del Masters 1000 di Roma; complice anche l’assenza di un altro iberico, un altro grande atteso sulla terra rossa italiana: Carlos Alcaraz. Il numero due spagnolo ha conquistato il titolo 1000 di Madrid, vincendo contro Alexander Zverev in due set.

Un torneo che è passato nella storia anche per le vittorie contro Nadal e Djokovic nello stesso torneo su terra battuta: è il primo tennista a farlo. Lo sforzo richiesto per vincere il Mutua Madrid Open, tuttavia, hanno portato il numero sei del mondo a rinunciare agli Internazionali d’Italia, per prepararsi al meglio al Roland Garros.

Alcaraz: “A nessuno piace vederlo così”

Carlos Alcaraz, dunque, è stato solo spettatore del torneo di Roma e solo da lontano ha potuto vedere le condizioni fisiche in cui versava Rafa Nadal durante il match contro Denis Shapovalov.

Durante una premiazione, in cui Alcaraz ha vinto il premio come miglior sportivo, (condiviso con Pedro Acosta, pilota di motociclismo, e Mohamed Katir, atleta), ha rivelato quali sono stati i suoi pensieri quando ha visto il numero uno spagnolo in quelle condizioni"

"A nessuno piace vedere Rafa così. È un punto di riferimento per tutti: che soffra in pista, facendo lo sport che ama, è qualcosa questo fa male a tutti noi, e personalmente anche a me”, ha dichiarato Alcaraz.

Pensieri non solo su quello che è successo a Roma, ma anche in ottica del secondo appuntamento con il Grande Slam. “Penso che abbia avuto qualche giorno per recuperare e che a Parigi sarà di nuovo competitivo": queste le parole del vincitore di Miami e Madrid, riportate da Punto de Break, sul suo connazionale in vista del Roland Garros.