Paul Annacone analizza la situazione di Rafael Nadal



by   |  LETTURE 4126

Paul Annacone analizza la situazione di Rafael Nadal

Rafael Nadal ha lasciato Roma con una miriade di dubbi e paure. L’ex numero 1 del mondo è stato sconfitto da Denis Shapovalov negli ottavi, oltre ad aver accusato un riacutizzarsi del problema al piede che lo aveva sensibilmente limitato nella passata stagione.

Il fuoriclasse spagnolo ha iniziato il 2022 in maniera eccezionale, facendo letteralmente saltare il banco agli Australian Open. Dopo essere sopravvissuto a due autentiche battaglie contro Denis Shapovalov e Matteo Berrettini, il 35enne di Manacor ha rimontato due set di svantaggio a Daniil Medvedev in finale.

Trionfando per la seconda volta in carriera ‘Down Under’, Rafa ha superato Roger Federer e Novak Djokovic nella classifica all-time degli Slam. A causa di una frattura da stress ad una costola, l’iberico è stato costretto a saltare i primi appuntamenti sul rosso (Montecarlo e Barcellona) e non ha brillato né a Madrid né a Roma.

Il maiorchino arriverà a Parigi ben lontano dalla miglior condizione, come ha ammesso lui stesso al Foro Italico. Ai microfoni di Tennis Channel, Paul Annacone ha espresso la sua opinione al riguardo.

Paul Annacone su Rafa Nadal

“L’impresa più difficile che esista nel tennis è battere Rafael Nadal in un match tre su cinque sulla terra rossa.

Penso che ancora oggi sia la cosa più difficile da fare” – ha esordito Annacone. “Rafa ha sempre amato giocare tanto prima del Roland Garros, gli serve per trovare i giusti automatismi. Ha avuto un inizio di stagione da favola, poi la frattura alla costola lo ha obbligato a rivedere i suoi piani.

Ha disputato meno partite di quanto avrebbe desiderato e il dolore al piede è tornato a farsi sentire. Può ritrovare la miglior forma durante il Roland Garros, magari faticando un po’ di più nei primi turni.

La cosa più importante è che il dolore diminuisca, altrimenti diventa complicato. Il tennis di Nadal è molto dispendioso, colpisce la palla come se la sua stessa vita dipendesse da quel punto” – ha continuato l’americano. Stando alle ultime indiscrezioni, il 21 volte campione Slam dovrebbe atterrare a Parigi mercoledì.