Le previsioni di Alexander Zverev su Roland Garros e Rafael Nadal



by   |  LETTURE 4244

Le previsioni di Alexander Zverev su Roland Garros e Rafael Nadal

Niente doppietta per Alexander Zverev a Roma. Il tennista tedesco aveva conquistato la terra rossa romana nel 2017, vincendo in finale contro Novak Djokovic in due soli set; l’anno successivo, aveva tentato l’impresa, ma un Rafa Nadal troppo superiore gli aveva sbarrato la strada.

Il 2022 poteva essere l’anno del ritorno al successo nella Capitale, ma il sogno del numero tre del mondo si è infranto in semifinale, dove ha trionfato Stefanos Tsitsipas. Il greco ha, infatti, rimontato il set di svantaggio (come già fatto contro Khachanov sempre a Roma) e ha vinto contro uno Zverev confuso, soprattutto nel terzo set.

Quindi Zverev conclude la stagione della terra rossa senza aver conquisto nessun titolo 1000 su terra battuta: a Madrid ha perso in finale contro Alcaraz; a Montecarlo e a Roma in semifinale, in entrambi le occasioni contro il greco.

Su questa superficie, però, c’è ancora un grande appuntamento da affrontare: il Roland Garros. Il secondo Grande Slam della stagione, tuttavia, vede il suo Re arrivare con dolori al piede, con cui è costretto a convivere.

“Sì, mi dispiace per Rafa. Si spera che possa essere in forma. Ha 10 giorni di tempo per recuperare e giocare a Parigi", ha detto Zverev su chi lo segue nel ranking ATP.

I favoriti di Zverev per il RG

Durante il torneo, al numero uno tedesco è stato chiesto anche chi potrebbe essere il vincitore del Grande Slam sulla terra rossa.

Fatta eccezione per Rafael Nadal, sono diversi i nomi che sono stati fatti da Zverev. Non può mancare il numero uno del mondo, Novak Djokovic, detentore del titolo a Parigi. Con Djokovic, ci sono anche Tsitsipas e Zverev stesso.

Per il tedesco, però, un altro nome non può mancare nella lista del campioni. "Guarda, penso che l'Alcaraz sia uno dei favoriti. Novak è uno dei favoriti. Tsitsipas. Se entro in forma, posso fare bene lì. Ci sono molti ragazzi che possono giocare bene su questa superficie", ha affermato il numero tre del mondo.