"È impossibile così": Rafa Nadal rassegnato dopo il ko a Roma

Il campione spagnolo esce agli Ottavi di finale del torneo

by LA REDAZIONE
SHARE
"È impossibile così": Rafa Nadal rassegnato dopo il ko a Roma

Ancora una volta Rafa Nadal deve fare i conti con la sfortuna e con gli infortuni. Il ventuno volte vincitore di tornei del Grande Slam si arrende in tre set agli Ottavi di Roma al canadese Denis Shapovalov, che, dopo diversi ko, riesce finalmente a battere la sua 'nemesi'

Incontro però condizionato dal 'solito' problema al piede per Rafa con il tennista che ha concluso il match nel terzo set zoppicando notevolmente. Finisce in anticipo l'avventura di Nadal e svanisce il sogno di Roma di veder la semifinale tra Rafa ed il numero uno al mondo Novak Djokovic.

Il tennista maiorchino, ha parlato sconsolato in conferenza stampa: "La verità è che non sono infortunato, sono un tennista che convive eternamente con un infortunio. Non è una novità ma sfortunatamente oggi è stata una giornata difficile.

Ci sto provando molto, ma è dura e ci sono momenti come questo dove è tutto difficile. È davvero frustrante che non posso allenarmi tutti i giorni ed oggi ho sentito tanto dolore, soprattutto da metà del secondo set.

Non voglio però togliere i meriti al mio avversario, Denis ha giocato bene oggi ed ha meritato la vittoria". Continuando sul problema fisico, Rafa ha continuato: "È un dolore permanente, a volte di più ed a volte di meno, ma oggi è stato pazzesco.

Mi piacerebbe parlare di tennis, ma la realtà è questa. Quando non riesci a muoverti bene, tutto è più difficile. È triste anche perché sentivo di aver trovato una buona condizione, ma ora non so cosa fare, non so se allenarmi o fermarmi nuovamente".

Rafael Nadal sul Roland Garros

Parlando del suo futuro Nadal ha poi commentato la situazione in vista del Roland Garros ed ha detto: "Andar a Parigi è il mio obiettivo, voglio allenarmi senza avere dolore. In questo momento per me è impossibile giocare così, ma forse tra qualche giorno le cose andranno meglio.

A Parigi avrò il medico accanto ma oggi sono molto triste. Non ho altra scelta che accettare tutto questo e lottare per andare avanti. Parigi è il mio sogno".

Rafa Nadal
SHARE