Rafa Nadal stufo del paragone con Carlos Alcaraz: "Basta paragonarlo a me"

Il tennista maiorchino ha risposto in conferenza stampa, dicendo la propria sul paragone tra lui e il nuovo fenomeno spagnolo

by Gianluca Ruffino
SHARE
Rafa Nadal stufo del paragone con Carlos Alcaraz: "Basta paragonarlo a me"

Arrivano segnali positivi dal Centrale di Roma da parte di Rafa Nadal. Il 21 volte campione slam, al suo terzo match dopo l’infortunio alla costola, si è sbarazzato di John Isner in 1 ora e 17 con il punteggio di 6-3 6-1, assicurandosi un posto agli ottavi, dove lo attende Denis Shapovalov.

In conferenza stampa il tennista di Manacor ha parlato della propria condizione fisica, rimanendo stizzito all’ennesima confronto tra lui e Carlos Alcaraz.

Nadal: “Devo trovare al più presto le migliori sensazioni”

Al tennista spagnolo è stato chiesto di spiegare perché, dopo la partita, ha deciso di continuarsi ad allenare in un campo secondario.“Beh, ho parlato molto chiaramente da quando sono tornato. Sono in ritardo di condizione e devo trovare al più presto le migliori sensazioni.

Ho bisogno di recuperare le cose che mi sono mancate a causa dell'infortunio, ovviamente. Devo lavorare il più possibile per essere pronto tra un paio di settimane. L'unico modo per dare a me stesso la possibilità di recuperare il livello che voglio livello recuperare, o che voglio raggiungere, è lavorare.

La partita di oggi non era così impegnativa dal punto di vista fisico, quindi mi sono sentito un po' più in grado di continuare ad allenarmi. Niente di più” ha risposto Nadal. Sul prossimo turno contro Shapovalov.

“Beh, l'anno scorso sono stato super fortunato. Era una partita che lui ha avuto in mano molte volte. Per me oggi non è importante quale giocatore ho di fronte, ma cercare di migliorare ogni giorno. Domani è un altro giorno con la possibilità di giocare meglio.

Questo è l'obiettivo principale di oggi: essere sempre migliori, cercare di raggiungere un livello più alto ogni singolo giorno. Domani avrò un test difficile con un grande giocatore. È un'opportunità per me di continuare a provare.

Ed è quello che farò”. Sulla decisione di non ammettere i tennisti russi e bielorussi a Wimbledon e di togliere anche i punti ATP e WTA, Nadal ha preferito non sbilanciarsi. “Non voglio rendere pubblica la mia opinione al riguardo.

Ci sono alcune conversazioni private in consiglio su questo genere di cose, qualcosa che onestamente non credo sia bene rendere pubblico. L’obiettivo è proteggere ogni singolo giocatore dell'ATP. So che forse per voi e per la stampa è importante perché è l'attualità.

Ma io sono qui a Roma. Onestamente, il mio pensiero non riguarda ciò che accadrà a Wimbledon” ha risposto il tennista spagnolo. Il tennista spagnolo ha poi rigettato stizzito la domanda su un eventuale confronto tra lui e Carlos Alcaraz all’età di 19 anni.

“Non lo so. E non sarò in grado di parlare ogni giorno di chi sarà o chi è più forte in quel giorno, no? Ho dimenticato come ero io stesso. L'unica cosa che possiamo fare è goderci la carriera di un giocatore straordinario come Carlos.

Ma smettete di paragonarlo a me. Se riuscirà a vincere 25 Grandi Slam, sarà fantastico per lui e per il nostro Paese. Ma lasciamogli godere la sua carriera personale. Io mi sono goduto la mia carriera personale. È il suo momento di gestire la sua carriera personale come vuole, no? Lui è quel che è.

Probabilmente nel 2005, non avrei detto di me stesso che sono stato fantastico, ma credevo di essere abbastanza bravo. Tutto qui. Momenti diversi. Diverse carriere. Un modo diverso di approcciare alle cose perché i tempi stanno cambiando.

Ma godiamocelo. Non mettiamo ulteriore pressione su di lui. Non chiedetemelo ogni volta, perchè vi dirò sempre la stessa cosa. È un bene per il nostro sport. Onestamente, in modo egoistico, come spettatore, avere qualcuno come Carlos di cui ci godremo la carriera per i prossimi non so quanti anni, è fantastico.

Ma ora sto ancora giocando. Sono concentrato nel cercare di fare le cose che devo fare. Tutto qui” ha risposto deciso Nadal.

Rafa Nadal Carlos Alcaraz
SHARE