Corretja: "Un Masters 1000 in più non cambierebbe la carriera di Rafael Nadal"

Nessuno si aspettava un simile inizio di stagione da parte di Rafael Nadal

by Simone Brugnoli
SHARE
Corretja: "Un Masters 1000 in più non cambierebbe la carriera di Rafael Nadal"

Nessuno si aspettava un simile inizio di stagione da parte di Rafael Nadal. Il fuoriclasse spagnolo, che aveva giocato appena sette tornei ufficiali nel 2021, ha sbaragliato la concorrenza agli Australian Open ribadendo di essere una leggenda assoluta dello sport moderno.

In un torneo che gli era spesso risultato ostile in passato, l’ex numero 1 del mondo ha realizzato una delle imprese più inaspettate di tutta la sua carriera. Dopo essere sopravvissuto a due autentiche battaglie contro Denis Shapovalov e Matteo Berrettini, il 35enne di Manacor ha rimontato due set di svantaggio a Daniil Medvedev in finale.

Conquistando il suo secondo titolo a Melbourne Park, Rafa si è portato a quota 21 Major superando Roger Federer e Novak Djokovic nella classifica all-time. La striscia di vittorie consecutive dell’iberico si è interrotta contro Taylor Fritz nella finale di Indian Wells, complice anche una frattura da stress ad una costola.

Il maiorchino ha ripreso ad allenarsi e potrebbe rientrare nel Masters 1000 di Madrid. Ai microfoni di Eurosport, Alex Corretja ha analizzato la situazione di Nadal.

Rafa Nadal pensa già al Roland Garros

“Se Rafael Nadal sarà in buona forma, penso che lo vedremo a Madrid.

Lui deve fare tutto il possibile per arrivare al 100% al Roland Garros, che è il suo grande obiettivo stagionale” – ha illustrato Corretja. “Sarebbe fantastico se riuscisse a trionfare anche a Madrid e Roma, ma non si può nascondere che il suo vero obiettivo sia il Roland Garros.

Non sarà facile per lui decidere se andare a Madrid o meno” – ha aggiunto. Alex è sceso poi nel dettaglio: “Credo che Rafa possa giocare i Masters 1000 con un approccio molto più rilassato rispetto al passato.

Madrid e Roma sono dei test in vista di Parigi. Anche se adoriamo i Masters 1000, perché sono eventi importanti per il tour, non cambiano di una virgola la carriera di Rafa. Un altro ‘1000’ in bacheca non farebbe la differenza, un altro Slam sì”.

Nadal andrà a caccia del suo 14° sigillo a Parigi, dove l’anno scorso si arrese a Novak Djokovic in semifinale.

Rafael Nadal
SHARE