JJ Wolf parla della finale degli AO nel 2012 tra Novak Djokovic e Rafael Nadal



by   |  LETTURE 3047

JJ Wolf parla della finale degli AO nel 2012 tra Novak Djokovic e Rafael Nadal

Nel tennis americano, sono numerose le nuove leve che stanno scalando il ranking ATP. Dai giganti Opelka e Isner a Taylor Fritz, vincitore dell’ultima edizione del Masters 1000 di Indian Wells contro Rafael Nadal. Nel mezzo, oltre a Frances Tiafoe, c’è Jeffrey John Wolf.

Il giovane statunitense, vincitore di cinque Challenger, si sta affermando solo negli ultimi mesi ad alti livelli: in particolare, al Miami Open, dove ha spaventato per un set il numero cinque del mondo, Stefanos Tsitsipas.

Il tennista, classe 1998, oramai alla soglia della Top 150 del ranking, ha rilasciato un’intervista a Tick Tock Tennis, dove ha parlato di idoli, partite storiche e propri passatempi personali. Il primo ricordo ha riguardato la sua partita preferita: Wolf ha scelto la finale di Australian Open del 2012 tra Novak Djokovic e Rafael Nadal.

"Non ricordo che anno fosse, ma la finale del Djokovic-Nadal all’Australian Open. È stato quello in cui ha iniziato ad avere i crampi durante la cerimonia del trofeo, Rafa", ha detto lo statunitense. Una finale che, per durata e per intensità, ha comportato i crampi allo spagnolo, con gli organizzatori del torneo che hanno offerto ad entrambi delle sedie per riposarsi.

Gli idoli di JJ Wolf

Nell’intervista, non poteva certo mancare la domanda su quale sia il suo tennista preferito.

La scelta dell’americano non è potuta non ricadere su un ex numero uno del mondo: "Voglio dire, devo andare con Roger Federer”. Wolf, tuttavia, fa i nomi anche di alcuni suoi connazionali. “Andy Roddick, come la maggior parte dei ragazzi americani, Sam Querey, Mardy Fish, adoravano guardare quei ragazzi", ha detto lo statunitense.

Nell’ultima parte dell’intervista, riportata da Sportskeeda, il tennista ha parlato anche degli obiettivi di quest’anno. "Non mi interessano i risultati, ma voglio essere in tour tutto l'anno", ha detto lo statunitense, rimasto fuori per diverso tempo per essersi sottoposto a due operazioni alla fine del 2020.

Wolf ha concluso l’intervista con una passione esterna al tennis, che secondo lui spiazzerebbe tutti: “Amo leggere. Non penso che le persone pensino che io legga, ma lo faccio”.