Pam Shriver svela il ruolo di Rafael Nadal nella carriera di Alcaraz



by   |  LETTURE 3622

Pam Shriver svela il ruolo di Rafael Nadal nella carriera di Alcaraz

Carlos Alcaraz ha attirato le attenzione di tutti. Il 18enne spagnolo ha vinto il primo titolo Masters 1000 a Miami, vincendo in finale contro il norvegese Casper Ruud in due set. Con una vittoria così prestigiosa, non sono mancati i paragoni tra Alcaraz e il suo connazionale, Rafael Nadal, che a Miami non aveva mai vinto.

Se Jaume Munar ha parlato di come i due possano essere simili, in quanto entrambi hanno deciso di crescere dal punto di vista fisico e del gioco, Pam Shriver, ex numero due del mondo di doppio, si è focalizzata su come Nadal sia stato un punto di riferimento per Alcaraz.

Nel podcast Inside-In di Tennis Channel, Pam Shriver ha spiegato come il numero undici del mondo abbia tratto vantaggio dall'avere Nadal e Juan Carlos Ferrero, suo attuale coach, come modelli cui ispirarsi. "Sento che ha avuto un paio di modelli incredibili, davvero eccezionali a cui guardare", ha detto Shriver, come riportato da Sportskeeda.

"Rafa Nadal, ovviamente anche lui spagnolo, con la mentalità da campione e l'etica del lavoro che ha mostrato. E poi Juan Carlos Ferrero, che ha vinto un Open di Francia. Quindi, penso che sia stato davvero come una spugna.

Inoltre, ha un mondo di talento naturale. Ma ancora una volta, ci vuole il lato mentale per riunire tutto"

Il carisma di Alcaraz secondo Shriver

Carlos Alcaraz, tuttavia, va oltre al paragone con Nadal o con Ferrero. L’ex tennista statunitense ha individuato nel giovane spagnolo un punto di riferimento del tennis maschile che, secondo la sua visione, cambierà molto nei prossimi anni.

“È davvero divertente vedere l'ascesa di Carlos. E speriamo solo che Alcaraz possa rimanere in salute perché il tennis maschile subirà enormi transizioni nei prossimi due anni. Quindi, per saperlo già, sentiamo che sappiamo chi sarà un punto fermo.

E ha carisma, ha già attirato le attenzioni di tutto il mondo. Quindi è davvero un buon segno per il tennis maschile", ha concluso Shriver nel podcast di Tennis Channel.