Andrey Rublev estasiato dalla mentalità di Rafa Nadal:"Mai visto una cosa del genere"



by GIANLUCA RUFFINO

Andrey Rublev estasiato dalla mentalità di Rafa Nadal:"Mai visto una cosa del genere"

Che Rafael Nadal sia uno dei tennisti più forti della storia non lo si scopre mica oggi, ma le parole di elogio che arrivano ogni giorno dai protagonisti di questo sport (e non solo) non fanno che certificare ulteriormente la fama e la grandezza del campione spagnolo.

L’ultimo collega in ordine temporale è stato Andrey Rublev, numero 7 del ranking ATP. Il tennista russo, impegnato in questi giorni nella campagna californiana del master 1000 di Indian Wells, ha manifestato tutta la propria ammirazione nei confronti del tennista maiorchino, tornando sulla finale degli Australian Open 2022 conquistata in modo incredibile da Nadal rimontando due set di svantaggio all’attuale numero uno del mondo Daniil Medvedev.

Nadal e Rublev sono entrambi approdati al terzo turno del primo Master 1000 della stagione e potrebbero affrontarsi in un eventuale finale. Lo spagnolo, autore dell’ennesima strabiliante rimonta al secondo turno contro il padrone di casa Sebastian Korda, è avanti 2 a 1 negli scontri diretti contro il russo.

“Nessuno nella storia è forte mentalmente come Rafa”

Il tennista russo ha esaltato la forza mentale di Rafa Nadal. “Nessun atleta nella storia dello sport è forte [mentalmente] come Rafa. In uno sport individuale si può lottare molto mentalmente.

Se litighi con qualcuno la mattina della partita, sei disturbato, ma devi comunque giocare. In uno sport di squadra, se non sei di buon umore, ma la tua squadra è buona e di buon umore, non lo senti. Rafa è l'unico che ci riesce, non importa cosa succeda fuori dal campo.

In qualche modo, è in grado di spegnersi completamente e di pensare soltanto alla partita” ha detto Rublev. Il numero 7 del mondo poi ricordato l’impresa australiana di qualche settimana fa del tennista maiorchino, che ha conquistato il suo 21esimo slam rimontando una finale in maniera entusiasmante.

“Può farlo anche quando sta perdendo. Nel primo set [della finale degli Australian Open], non riusciva a mettere dentro nemmeno una palla. Era davvero schiacciato. Poi stava perdendo due set, e Daniil ha avuto opportunità nel terzo set sullo 0-40.

Ha semplicemente ingoiato tutto, senza una parola di lamentela. Alla fine, era in testa, stava servendo per il match ma non ce l'ha fatta. Non una parola di lamentela. Poi ha vinto! Non ho mai visto una cosa del genere in vita mia” ha raccontato stupito Rublev che poi ha parlato anche di Medvedev, il quale si era dichiarato deluso dall’aver avuto il tifo totalmente contro di lui.

“Non so cosa Daniil stesse provando in quel momento, non puoi giudicare qualcuno quando non ti sei trovato in quella situazione. Ovviamente, la gente stava sostenendo Rafa più perché è Rafa - uno dei più grandi nella storia dello sport.

Stava giocando per il suo 21° Grande Slam, ecco perché la gente lo sosteneva di più”. Rublev ha poi affrontato la questione riguardante gli sportivi russi, i quali raramente hanno il tifo dalla propria parte, specialmente fuori dalla propria nazione.

“Forse in alcuni paesi, quando sanno che sono russo sono un po' come... non lo so. Sono rilassato nonostante questo. So chi sono e spero che quando le persone mi incontrano e parlano con me, vedano che non tutti sono come...

non so, qualsiasi cosa pensino. A volte sento tensione, energia in alcuni paesi. Quando non sanno che sei russo, sono più amichevoli, ma quando sanno che sei russo, pensano che puoi essere aggressivo o qualcosa del genere.

Non si può fare nulla per questo. Posso essere una buona persona e questo è tutto” ha concluso il tennista russo.

Andrey Rublev Rafa Nadal