Annacone: "Rafael Nadal era felice come un bambino dopo la vittoria ad Acapulco"



by   |  LETTURE 4195

Annacone: "Rafael Nadal era felice come un bambino dopo la vittoria ad Acapulco"

Quasi nessuno immaginava che Rafael Nadal avrebbe conquistato tre titoli di fila in questo inizio di stagione. Oltre ad aver trionfato a Melbourne e Acapulco, il fuoriclasse spagnolo si è imposto anche agli Australian Open per la seconda volta nella sua carriera.

L’ex numero 1 del mondo ha scritto una delle pagine più belle dell'era moderna, rimontando due set a Daniil Medvedev in finale. Grazie a questo successo, il maiorchino ha scavalcato Roger Federer e Novak Djokovic issandosi a quota 21 Major.

Rafa è inoltre diventato il quarto uomo nella storia ad essersi aggiudicato tutti gli Slam almeno due volte (insieme a Djokovic, Rod Laver e Roy Emerson). Il 35enne di Manacor proverà ad arrivare a quota 22 già al Roland Garros, in attesa di capire se Nole sarà presente o meno a Parigi.

Sono in molti a credere che Nadal possa chiudere l’anno in vetta al ranking ATP, avendo pochissimi punti da difendere nella seconda parte di stagione. Ai microfoni di Tennis Channel, Paul Annacone ha speso belle parole per il 21 volte campione Slam.

Paul Annacone e Tracy Austin elogiano Nadal

“Rafael Nadal ha iniziato la stagione in modo incredibile, dimostrando una passione per il tennis fuori dal comune” – ha analizzato Paul Annacone. “Mi ha sorpreso la grande euforia sul suo volto dopo aver vinto il titolo ad Acapulco la settimana scorsa.

Stiamo parlando di un torneo importante, ma non è Wimbledon o gli US Open. Ha già conquistato una miriade di titoli, eppure era felicissimo di aver giocato e vinto davanti al pubblico messicano. Si diverte ancora tantissimo a giocare e adora la competizione” – ha aggiunto.

Gli ha fatto eco Tracy Austin: “Rafa sta curando nel dettaglio il suo calendario, sapendo benissimo di non poter spremere troppo il suo fisico. Non ha giocato negli ultimi cinque mesi del 2021 e avrà pochi punti da difendere da qui al termine della stagione.

Non c’è dubbio che i problemi di Novak Djokovic lo abbiano aiutato a vincere gli Australian Open, così come hanno permesso a Daniil Medvedev di diventare il nuovo numero 1 ATP."