Rafael Nadal continua a stupire: i nuovi record sul cemento



by   |  LETTURE 3141

Rafael Nadal continua a stupire: i nuovi record sul cemento

Rafael Nadal continua a scrivere la storia del tennis. Il trentacinquenne spagnolo continua a regalare grandi prestazioni sul campo del tennis e a vincere numerosi tornei. Dal primo successo della stagione, con la vittoria dell’ATP di Melbourne alla conquista del ventunesimo Slam, sempre in terra australiana, Nadal ha infranto sempre più record.

Con la vittoria dell’ATP 500 di Acapulco, ai danni di Cameron Norrie, i numeri del campione spagnolo continuano a crescere, riuscendo ad infrangere record e a superare se stesso. I numeri dimostrano quella che è la verità di questi mesi: è uno dei migliori inizi di stagione dello spagnolo.

Non solo il titolo del Grande Slam numero 21, ma anche altri record che dimostrano il ritorno ad alti livelli di Nadal. Numeri, soprattutto, che non riguardano la terra rossa, superficie da lui dominata da sempre, ma il cemento.

La prima statistica da analizzare è quella che porta al primo Masters 1000 della stagione, Indian Wells. È la prima stagione in cui Nadal arriva al torneo californiano con tre tornei conquistati. Nel 2005, invece, erano due i tornei vinti (Costa do Sauipe e Acapulco), m fu anche l'anno in cui conquistò il numero maggiore di tornei vinti della sua carriera, arrivando a quota 11.

I titoli consecutivi vinti sul cemento

Altro record riguarda i titoli consecutivi conquistati da Rafa Nadal su una superficie diversa dalla sua preferita, la terra rossa. È la seconda volta, infatti, nella sua carriera che conquista tre titoli consecutivi sul cemento.

Per la prima volta, si fa riferimento al 2013: in quell’anno, furono quattro consecutivi I trofei sollevati da Nadal. Lo spagnolo, allora ventisettenne, conquistò Indian Wells, Open di Canada, Cincinnati e il secondo Slam di quella stagione, lo US Open.

In quell’anno Nadal si arrese però a Novak Djokovic, in finale alle ATP Finals, ulteriore torneo che si gioca su cemento. Una lista, però, che potrebbe essere non conclusa qui: Rafael Nadal è nell'entry list del Masters 1000 americano.

Con lui, però, anche gli altri tennisti presenti nella top10, da Novak Djokovic a Daniil Medvedev, sconfitto già due volte dal tennista spagnolo, da Stefanos Tsitsipas a Andrey Rublev, vincitore di due ATP 500 consecutivi.