Rafael Nadal al settimo cielo: le sue dichiarazioni dopo il trionfo ad Acapulco



by   |  LETTURE 7404

Rafael Nadal al settimo cielo: le sue dichiarazioni dopo il trionfo ad Acapulco

Semplicemente Rafael Nadal. Il tennista spagnolo è riuscito nella notte italiana a vincere il suo 91esimo titolo della carriera: regolato in finale l'inglese Cameron Norrie con un doppio 6-4 e l'iberico ha potuto alzare al cielo il titolo dell'Atp 500 di Acapulco.

Le sue parole al termine del match

Il prossimo numero 4 del ranking mondiale si è presentato in conferenza stampa dopo il successo in Messico: "Nel corso della mia carriera da professionista ci sono molti tornei che hanno lasciato un segno importante, ho ricordi incredibili di questo posto.

Ho ottenuto ottimi risultati qui, ho vinto quattro volte e confido che sia un luogo dove le persone hanno un bel ricordo di me, quando non potrà più giocare a tennis. Quando questo sogno sarà finito, porterò Acapulco nel mio cuore" ha dichiarato.

Sulla gara: "Non è stata la mia migliore partita del torneo, tutt'altro, ma guardando il lato positivo ho vinto in due set contro uno dei giocatori più in forma del circuito in questo momento. Ciò significa che il mio livello di tennis è ancora molto alto e che posso competere coi migliori.

Norrie ti fa sentire che non puoi giocare comodamente in qualsiasi momento, che devi stare in punta di piedi fino alla fine della sfida. È una vittoria prestigiosa. Il mio servizio ha funzionato molto bene e, a parte alcune cose come l'orario di chiusura della partita, ho giocato in molte fasi da campione, perché era una finale e a volte bisogna trovare i momenti giusti per dare il colpo di grazia, vincere e sfruttare gli errori del mio avversario" ha aggiunto.

Le sue sensazioni: "Sto bene, molto contento, non ho perso un set per tutto l'evento e le prime due giornate sono state partite veloci che non mi hanno tenuto molto in campo. Fisicamente mi sentivo molto bene nonostante l'intensa umidità.

Ho risposto bene. È stata una lunga carriera, quando sono arrivato per la prima volta tutto era nuovo per me e forse i successi sono più apprezzati ora rispetto a quando avevi 18 anni. È incredibile poter vincere un torneo come questo ancora a 35" ha concluso.