Wilander: "Ci sta che Rafael Nadal goda di qualche privilegio"



by   |  LETTURE 3778

Wilander: "Ci sta che Rafael Nadal goda di qualche privilegio"

Erano in pochi ad immaginare che Rafael Nadal avrebbe raggiunto le semifinali in quest’edizione degli Australian Open. L’espulsione di Novak Djokovic dal Paese ha sicuramente agevolato il fuoriclasse spagnolo, che era stato sorteggiato nello stesso spicchio di tabellone del numero 1 ATP.

Il maiorchino non si era presentato a Melbourne con grandi aspettative, essendo reduce da un lungo stop causato da un infortunio al piede. Nadal ha disputato la miseria di sette tornei ufficiali lo scorso anno, mettendo comunque in bacheca un paio di trofei sull’amata terra rossa.

La scelta di giocare l’ATP 250 di Melbourne ad inizio gennaio si è rivelata una mossa intelligente, avendo permesso al 20 volte campione Slam di abituarsi alla superficie e al clima. A separarlo dall’ennesima finale in un Major c’è soltanto Matteo Berrettini, già battuto nella semifinale degli US Open 2019.

L’azzurro sta vivendo il momento migliore della sua carriera e ha intenzione di vender cara la pelle. Ai microfoni di Eurosport, Mats Wilander ha analizzato il rendimento di Rafa ed è tornato sulle proteste di Denis Shapovalov.

Wilander e Henman su Nadal

“Rafael Nadal viene programmato sulla Rod Laver Arena perché merita di giocare lì” – ha esordito Wilander. “Per quanto riguarda il presunto trattamento preferenziale di cui godrebbe Rafa, non c’è molto da dire.

Non è giusto, ma è un qualcosa che caratterizza tutti gli sport. Ai campioni viene concesso qualche privilegio dovuto al loro status. Con il passare del tempo, Denis Shapovalov si accorgerà di aver esagerato.

È vero che Nadal spesso impiega troppo tempo fra un punto e l’altro, ma questo non dovrebbe interferire con il tuo piano tattico. Non puoi perdere la testa per una questione così sciocca” – ha aggiunto lo svedese.

Gli ha fatto eco Tim Henman: “La frustrazione di Shapovalov è stata una delle chiavi del match. Il canadese non è riuscito a tenere i nervi saldi e Rafa ne ha approfittato per piazzare la zampata vincente. Denis ha usato la parola ‘corrotti’, ma non penso che intendesse dire una cosa così grave”.