Rafael Nadal: "Essere di nuovo in finale è fantastico"



by   |  LETTURE 8654

Rafael Nadal: "Essere di nuovo in finale è fantastico"

L’ultima finale raggiunta da Rafael Nadal nel Tour ATP risaliva al 16 maggio 2021, quando riuscì a battere Novak Djokovic e vincere per la decima volta in carriera gli Internazionali BNL d’Italia. A quasi otto mesi dalla sfida contro il serbo, il maiorchino è riuscito a spingersi fino all’ultimo atto dell’evento ATP 250 di Melbourne battendo con il punteggio di 6-4, 7-5 Emil Ruusuvuori.

Nel primo parziale, l’ex numero uno del mondo - che era stato l’unico a concedere occasioni al proprio avversario al servizio - ha trovato il break decisivo nel decimo game. Il secondo parziale si è rivelato molto più complicato del previsto e Nadal, dopo aver fermato in risposta il finlandese, ha perso l’opportunità di chiudere la disputa sul 5-3 e servizio.

Lo spagnolo non ha però mollato la presa e sul 6-5 ha brekkato nuovamente il suo rivale.

Nadal in finale al torneo ATP 250 di Melbourne

“È un ritorno importante dopo cinque mesi senza competere. Significa molto per me essere tornato a giocare in Australia” , ha detto Nadal al termine della partita.

“Ho bisogno di fare alcune cose meglio in campo, ma va fatto un passo alla volta. Il mio corpo sta reggendo, e questa è la cosa principale. Ho bisogno di giocare partite per tornare al 100% . So che il mio tennis non è perfetto, ma si tratta di avere pazienza e fare il massimo.

Essere in finale è fantastico. Ritornare in una finale ATP è un'ottima notizia" . In finale, Nadal affronterà il qualificato Maxime Cressy. L'americano ha sconfitto tennisti del calibro Reilly Opelka, Jaume Munar e Grigor Dimitrov.

"Ho visto che sta servendo molto bene e che gioca in maniera molto aggressiva" , ha detto Nadal sul suo prossimo rivale.. "Sui campi veloci è un avversario molto pericoloso. Ha il dritto di giocare questa finale dopo essere partito dalle qualificazioni.

Spero di potermi esprimere ad un alto livello e di avere le mie occasioni" . Photo Credit: Graham Denholm / Getty Images